Senza Titolo

Alessandro Fior/ MAGNANO IN RIVIERAÈ una sconfitta immeritata quella maturata, nel pomeriggio della seconda giornata di Prima Categoria, dal Pagnacco a Magnano: i granata giocano una partita propositiva e sono bloccati dai legni in due occasioni. Per i locali, che si presentavano al match come i loro avversari a quota 0, la vittoria vale doppio se si pensa alla prestazione non brillantissima messa in campo. Nella prima frazione non si sono registrate molte occasioni, si è giocato più sul piano fisico con duelli a centrocampo. Su una palla persa a centrocampo ci prova Marseglia ma calcia fuori, quindi Osadorol sporca i guantoni di Ciani con una conclusione potente ma centrale. Il Riviera si fa vedere al tramonto del primo tempo ma in modo estremamente pericoloso: uno stacco di testa imponente di Zenarola viene salvato sulla linea di piede a portiere battuto. La ripresa è più animata e divertente, con i due allenatori che cercano dalla panchina di pescare la mossa vincente. Per la prima mezz'ora è dominio Pagnacco: prima J. Perez, scattato sul filo del fuorigioco, calcia addosso a Ciani, bravo comunque a non buttarsi in anticipo. Poi è il turno di Osadorol, che al termine di un contropiede condotto da sinistra a destra, viene servito nell'area piccola ma calcia male e la palla finisce sulla traversa. Poco dopo, ancora il 6 ospite ha l'occasione per insaccare: si coordina benissimo e di collo spara la sfera, rispedita fuori dall'incrocio dei pali. Nel momento migliore della squadra di Pravisani, i locali passano: una palla viene messa a centro area, spalle alla porta la mette giù Londero, che si gira, salta un uomo e buca Castenetto. Gran beffa per gli ospiti, che provano ad attaccare a testa bassa, senza però creare altri pericoli; recrimineranno anche un rigore per un tocco col braccio di un difensore biancorosso ma la signora De Rosa fa giocare e sul ribaltamento i locali sciupano una doppia grande opportunità per chiudere i conti: a tu per tu con il portiere, però, Stornello e Londero non riescono a segnare. Finisce, dunque, 1-0 con grandi rimpianti per il Pagnacco, sfortunato ma poco cinico. --© RIPRODUZIONE RISERVATA