«La ciclabile Casarsa-Pinzano costerà 14 milioni di euro»

Guglielmo Zisa / SPILIMBERGOQuattordici milioni di euro: questo è il costo finale dell'operazione, comprensivo dell'acquisizione dei caselli e delle pertinenze, inclusa l'area dell'ex stazione dei treni di Spilimbergo, per la riconversione dell'ex ferrovia Casarsa-Pinzano in pista ciclabile. A rivelarlo è il sindaco di Valvasone Arzene Markus Maurmair, presente assieme ai colleghi amministratori dei sei comuni interessati dalla progettualità (San Martino al Tagliamento, San Giorgio della Richinvelda, Spilimbergo, Pinzano al Tagliamento, Casarsa e, appunto, Valvasone Arzene) all'incontro convocato in municipio dal primo cittadino di San Giorgio della Richinvelda, Michele Leon, alla presenza dell'assessore regionale alle infrastrutture e territorio, Graziano Pizzimenti. Con loro i progettisti incaricati e i funzionari della Regione. Proprio agli addetti ai lavori è toccato il compito di presentare agli amministratori locali i dettagli del progetto, soffermandosi sulla caratteristiche tecniche della realizzazione e della trasformazione dell'intera ex tratta ferroviaria che potrebbe finalmente aprire nuovi scenari economici e di valorizzazione turistica all'intero territorio. Il progetto che oggi è ancora in fase preliminare, una volta divenuto definitivo-esecutivo, darà il via all'appalto dei lavori che verranno eseguiti per lotti. «Un altro piccolo ma prezioso passo è stato fatto con la presentazione del progetto di fattibilità tecnico economica» afferma Maurmair, che è stato fra i primi a credere nell'opportunità di convertire in ciclopedonale l'ex ferrovia, sottoscrivendo un protocollo con la allora Provincia di Pordenone nel 2010 contenente l'impegno a approvare i necessari vincoli urbanistici per destinare l'ex tratto ferroviario a «itinerario ciclabile di interesse provinciale». «Serviranno 14 milioni di euro, molti di più di quanto stimato inizialmente, ma la buona notizia è che la Regione ha già destinato risorse per realizzare il tratto da Casarsa fino a Spilimbergo e per la parte restante i fondi saranno inseriti nei prossimi bilanci. L'impegno è chiaro perché oramai il treno per quest'opera è partito - ribadisce il sindaco di Valvasone Arzene chiarendo che - ai tecnici della Parcianello&partners e dello studio Truant e associati è già stato dato l'incarico, con impegno di spesa determinato, di procedere con la progettazione dell'intero tratto di pista ciclopedonale, che riguarderà tutti i 27 chilometri di sedime ferroviario, a conferma che i passaggi tecnici e burocratici stanno terminando per dare poi seguito alla realizzazione dell'opera». --© RIPRODUZIONE RISERVATA