Il sindaco di Palmanova «Trattamento eccessivo doveva essere sospeso»

Viviana ZamarianAveva richiesto che la disinfestazione adulticida contro il West Nile fosse sospesa. Ma «poi mi sono dovuto arrendere».Il sindaco di Palmanova Giuseppe Tellini si è detto fin da subito contrario al trattamento che nella notte ha riguardato, oltre che il comune da lui guidato, anche Aiello del Friuli, Bagnaria Arsa, Gonars, Santa Maria la Longa, Trivignano Udinese e Visco in un raggio di quattro chilometri dal punto dove è stato trovato il cavallo positivo, fuori da Porta Cividale.«Leggendo il piano nazionale di contrasto agli arbovirus - riferisce il primo cittadino - trasmessi dalle zanzare, al punto dove parla di interventi si legge che quello adulticida è ragionevole farlo in presenza di cluster di due o più casi umani di forme neuroinvasive in ambiente estremamente o mediamente urbanizzato la cui correlazione spazio-temporale sia stata confermata mediate una indagine epidemiologica nelle immediate vicinanze del luogo». «Non è mia intenzione - dichiara - fare il più bravo della classe ma le cose stanno così e questa disposizione, nelle lettere che ho inviato alla Regione, non mi è mai stata contestata». Per il primo cittadino Tellini, dunque, «si è trattato di un intervento sovradimensionato rispetto alla situazione dal momento che, da quanto io sono a conoscenza, non si sono riscontrati casi di particolare gravità. Mi auguro che non ci siano gravi conseguenze, altrimenti saranno ascrivibili esclusivamente alla struttura che ha dato il via libera a tale operazione. Come Comune viene declinata ogni responsabilità».«Abbiamo fatto una informazione capillare, anche in Rete - prosegue il sindaco di Palmanova -, per dare tutte le indicazioni precise ai cittadini con la pubblicazione delle cartine dei luoghi in cui era previsto il trattamento e l'invito a seguire con attenzione le disposizioni da adottare tra cui quelle di non esporre cibo e animali all'esterno, non raccogliere e consumare gli ortaggi in prossimità delle strade per 72 ore e, dopo la loro raccolta, effettuare un accurato lavaggio prima del loro consumo». Le operazioni non hanno riguardato i Bastioni ma si sono limitate alle strade alberate, alle zone verdi, ai parchi e ai cimiteri della città stellata. Ieri Tellini non ha partecipato - perché non invitato - all'incontro convocato dal vicepresidente della Regione Riccardo Riccardi per fornire un'informazione puntuale alle istituzioni locali sul tema. «Sono stati invitati - riferisce Riccardi - i presidenti degli ambiti. Sollecito il sindaco di Palmanova Tellini a fare il sindaco e a non volersi sostituire al Servizio di prevenzione della Regione. Si tratta di scelte scientifiche, non politiche».«I sindaci dei Comuni in cui si è deciso di effettuare il trattamento di disinfestazione contro il West Nile - conclude il vicepresidente -, quindi compreso Tellini, sono stati coinvolti direttamente e abbiamo avuto degli incontri mirati in cui si è fatto il punto della situazione e sono state illustrate tutte le azioni che sarebbero state messe in campo». --© RIPRODUZIONE RISERVATA