Ecco i mosaici: tra arte e artigianato

Venerdì 26 febbraio 2010, noi alunni di classe quinta di Cisterna ci siamo recati in visita alla scuola mosaicisti di Spilimbergo, accompagnati dalle nostre insegnanti di Storia e di Arte e immagine, per approfondire le nostre conoscenze sulla tecnica del mosaico.
Dal professor Romanzin, che ci ha fatto da guida, abbiamo saputo che la scuola è stata fondata nel lontano 1922 e nelle sue aule ospita allievi provenienti da tutto il mondo; quindi è una scuola multietnica e multiculturale, essendo l'unica nel suo genere.
Visitando le aule abbiamo visto i ragazzi del primo corso impegnati con incudine e martellina nella riproduzione individuale di mosaici greci e romani; mentre quelli del secondo corso si dividevano il grande mosaico in quadranti che vengono poi assemblati.
Gli allievi del terzo anno lavorano invece nel grande gruppo alla realizzazione di un unico mosaico.
Ci siamo resi conto che questa attività, che è una via di mezzo fra l'arte e l'artigianato, richiede grande pazienza, attenzione e passione.
Percorrendo i corridoi dell'edificio, abbiamo potuto ammirare alle parete magnifici mosaici che rappresentano resti di mosaici aquileiesi e bizantini, opere d'arte contemporanea (quadri di Picasso), sculture famose (La Pietà di Michelangelo), ritratti di personaggi famosi e figure astratte.
Questi mosaici sono stati realizzati con materiali diversi.
Ogni superficie della scuola, dai pavimenti, ai bagni, alle scale è ricoperta di tesserine colorate che creano giochi di luce e di colori.
Le opere di alcuni mosaicisti formatisi a Spilimbergo sono presenti in varie parti del mondo, a esempio la metropolitana di New York e la chiesa del Santo Sepolcro a Gerusalemme.
Dopo questa interessante visita, ci siamo chiesti se qualcuno di noi, per il proprio futuro, sceglierà questa via fantasiosa e originale.
La classe 5ª
Scuola primaria Masotti
Cisterna di Coseano