no titolo

article di GIULIANO SEGREEsattamente venticinque anni fa, nel novembre 1991, si avviarono le prime privatizzazioni di banche pubbliche volute dalla legge predisposta dal ministro Giuliano Amato. Nascevano (ma ancora non lo sapevano) le Fondazioni di origine bancaria, destinate a divenire un protagonista ...

di GIULIANO SEGRE

Centralismo e attacco alle Regioni

article Siamo nel pieno di un andamento pendolare, tra decentramento e neo-centralismo. La stessa riforma costituzionale, su cui da cittadini saremo chiamati a esprimere un parere al referendum, segna (anche) un passo di rientro verso Roma e un depotenziamento delle Regioni. Perché i conti non tornano ...

di MARIO BERTOLISSI

Sondaggio: al 37% piace Rodotà sul Colle

ROMA I due terzi degli italiani, pari al 68 per cento, vorrebbero l’elezione diretta del Capo dello Stato, secondo il sondaggio dell’Istituto Demopolis. Mentre Rodotà e Prodi appaiono in testa alla graduatoria delle personalità che gli italiani vedrebbero volentieri al Quirinale. E in lizz

Renzi e Alfano: «Al Colle un politico»

di Maria Berlinguer wROMA Matteo Renzi e Silvio Berlusconi si vedranno da soli oggi a colazione a Palazzo Chigi. Il Cavaliere ha infatti deciso di disertare le «consultazioni» ufficiali che ieri il premier ha riservato alle delegazioni dei partiti per il Quirinale. Il leader di Forza Itali

Senza Titolo

Avevo sette anni scarsi, ma quel giorno di inizio luglio 1978 mi pare ieri: tutti fermi in macchina a piazza Venezia, perché c’erano dei ragazzi che protestavano. La più agguerrita aveva in mano un ciclostile e urlava all’infinito la stessa frase: «No, no, no! Pertini no!». Lo urlò pure in

Senza Titolo

Ventidue mesi fa, in un giorno come questo, girava anche il nome di Gianni Letta, in cambio dell’appoggio di Silvio Berlusconi a un governo Pd. Ma Silvio si accontentava anche di Lamberto Dini o di Giuliano Amato. I Cinquestelle, con la base attratta dalla società civile (Milena Gabbanelli

Quirinale: Grillo sbatte la porta al Pd

di Gabriele Rizzardi wROMA Naufragato il fronte “anti-Nazareno” per il Quirinale, lanciato da Pippo Civati e Nichi Vendola, incassato il tranciante “no, grazie, i giochi sono già fatti” di Beppe Grillo alle consultazioni con Renzi nella sede del Nazareno, la partita del Colle entra nel viv

Senza Titolo

di Maria Berlinguer wROMA Matteo Renzi vince il braccio di ferro con i senatori Pd sull’Italicum ma la conta imposta dal segretario premier lascia sul campo molte ferite aperte che potrebbero riaprirsi sul Quirinale. È finita con 71 voti a favore dell’Italicum e 29 no la conta che Renzi ha