Una targa e una mostra per onorare la memoria del missionario artista

Silvia Bergamin / FONTANIVAReligioso salesiano, missionario, artista e scrittore: la comunità di San Giorgio in Brenta a Fontaniva celebra domani don Tarcisio Didoné, scomparso lo scorso anno, vittima del Covid-19. Missionario per quasi mezzo secolo in Sudamerica, è sempre rimasto legato alle sue radici e alla sua terra natìa. Don Tarcisio era stato ordinato sacerdote il 25 marzo del 1962, fra poco più di un anno avrebbe quindi potuto festeggiare i sessant'anni di vita consacrata.Per 45 anni ha svolto il servizio missionario in Venezuela, dirigendo alcune sedi ed insegnando. Prima della pensione, è rientrato in Italia ed è stato parroco nella provincia ligure di La Spezia e ad Arezzo. Gli ultimi anni li ha trascorsi in una casa di Castello di Godego con altri fratelli salesiani. Pur nella lontananza, aveva saputo coltivare i legami con le sue origini, la terra in riva al fiume e la famiglia che cresceva numerosa: don Tarcisio ha scritto su San Giorgio in Brenta "Paese mio, uno scrigno che si apre". Umanista, era appassionato di poesia ed ha scritto diversi testi con i suoi versi, si è inoltre dedicato alla pittura, seguendo la sua vocazione artistica.Il programma della giornata di domani: nella chiesa di San Giorgio in Brenta la messa alle 9, oltre a don Tarcisio saranno ricordati i sacerdoti defunti della parrocchia. Alle 10 nella sala parrocchiale si terrà la benedizione e l'inaugurazione della mostra delle opere artistiche e letterarie di don Tarcisio, parte delle quali lui stesso le ha donate alla Parrocchia. L'evento si celebra in occasione del ventesimo anniversario della pubblicazione del libro su San Giorgio in Brenta.A questo proposito sarà scoperta una targa marmorea in suo onore fissata all'interno della sala. Sarà possibile acquistare sia alcune copie del libro che ricevere i libretti realizzati dai salesiani per ricordare la vita e le opere del religioso. Libri e quadri potranno essere apprezzati sia domani che domenica prossima, dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 19. Le offerte saranno devolute alla parrocchia di San Giorgio Martire. --© RIPRODUZIONE RISERVATA