Il Covid 19 non molla la presa e l'incidenza resta da bollino rosso

Il Covid 19 non molla la presa e in provincia di Padova fa registrare l'incidenza più alta dell'intera regione. Il dato, evidente già nei bollettini che quotidianamente diffonde Azienda Zero con la contabilità dei contagi, emerge anche dal monitoraggio settimanale che registra l'incidenza dei nuovi casi ogni 100 mila abitanti. Tutti i comuni padovani superano di gran lunga il limite dei 250 casi oltre il quale la "mappa" si colora di rosso. Complessivamente dall'11 al 17 aprile in provincia di Padova sono stati registrati 7.728 nuovi contagi da Covid 19 su 927.111 residenti, pari a un'incidenza di 833 nuovi casi ogni 100 mila abitanti, la più alta in regione. Se si mette il territorio sotto la lente di ingrandimento, si rileva come sia l'area a sud della provincia quella più colpita con un incidenza di 845 casi (1.503 contagi in sette giorni). Poco meglio fa l'area Padova-Piovese con 841 3.156 contagi), poi c'è l'Alta Padovana a 827 (2.123) e infine l'area Terme-Colli con un'incidenza di 804 ogni 100 mila abitanti (946).Ci sono diciannove comuni padovani dove l'incidenza supera i mille nuovi casi settimanali, con il primato di Merlara che arriva a 1.777. A farle compagnia Anguillara, Arre, Battaglia Terme, Brugine, Campodoro, Cinto Euganeo, Curtarolo, Galzignano, Gazzo, Piacenza D'Adige, Ponte San Nicolò, Sant'Urbano, Saonara, Teolo, Vescovana, Vigonza, Villafranca e Villanova di Camposampiero. Fra le città principali troviamo Padova con un'incidenza di 820 nuovi casi settimanali ogni 100 mila abitanti, Albignasego con 883, Cittadella con 764, Piove di Sacco con 759, Abano con 699 e Selvazzano con 635. Ieri intanto sono stati 1.436 i contagi in provincia di Padova (ancora il dato più alto del Veneto), per un totale di 13.196 soggetti attualmente positivi. I decessi attribuiti al Covid sono saliti a 2.300. Negli ospedali sono 128 i pazienti ricoverati nei reparti di Malattie infettive e 4 in Terapia intensiva. --elena livieri