Una staffetta di 100 chilometri per risanare il Fratta Gorzone

MERLARAQuasi cento chilometri a piedi in tre giorni, per riscoprire il fiume dimenticato. È il Fratta Gorzone, uno dei corsi d'acqua più inquinati d'Italia, mortalmente contaminato dal distretto conciario Chiampo-Arzignano e poi salito alla ribalta delle cronache per il disastro dei Pfas. Una situazione talmente grave, quella della Rabiosa, il vecchio nome del fiume, che per raddrizzare le sorti di questo corso d'acqua è nato persino un "Coordinamento per il risanamento del fiume Fratta Gorzone" costituito da associazioni, cittadini, comitati delle province di Padova, Vicenza e Verona. Il 23, 24 e 25 aprile proprio il Coordinamento organizzerà una staffetta da Arzignano a Chioggia, che solcherà ampiamente il territorio padovano, per chiedere a gran voce il risanamento del Fratta Gorzone. L'evento si intitolerà "Il fiume siamo noi", che richiama il fortunato libro "Il fiume sono io" dello scrittore padovano Alessandro Tasinato, indagine narrativa che ha come cuore proprio la Rabiosa. «Cammineremo insieme sugli argini per la tutela di un fiume dimenticato», annuncia il Coordinamento, che presenterà ufficialmente l'iniziativa il 20 aprile, alle 17, ad Arzignano. La partenza della lunga camminata sugli argini del fiume è fissata per sabato 23, alle 8, dallo scarico Arica a Cologna Veneta: si camminerà fino alle 17, trenta chilometri per arrivare fino a Megliadino San Vitale passano per Pressana, Bevilacqua, San Salvaro, Terrazzo, Merlara, Begosso, quindi Castelbaldo e poi via fino al ponte Barkley tra Piacenza d'Adige e San Vitale. Domenica la staffetta interesserà totalmente il Padovano: da San Vitale a Valli Mocenighe, le Tre Canne di Vighizzolo d'Este, Carmignano e i Lavacci, Vescovana, Stanghella, Stroppare fino al ponte sulla provinciale 92 di Anguillara Veneta. Gli ultimi trentasei chilometri sono quelli che da Anguillara condurranno fino al nodo idraulico Buoro di Cavarzere, nel Veneziano, e alla confluenza sul Brenta. Da lì, in auto, si raggiungerà il municipio di Chioggia per la chiusura dell'iniziativa. L'invito è quello di partecipare alla staffetta: informazioni al 348-7236715 (Piergiorgio), 340-4071194 (Alessandro) e 347-2305979 (Marino). --N.C.