Erano a un passo dalla D ora ripartono dalla Terza Castelbaldo rinasce così

CASTELBALDOMolti ostacoli si possono trovare in mezzo ad un cammino e superarli significa soltanto una cosa: determinazione. La storia del Castelbaldo 2021 può essere la metafora di questo percorso, dalla scalata gloriosa in Eccellenza, alla ripartenza da una Terza Categoria.«Siamo contenti di essere ripartiti da zero, non abbiamo rimpianti, ma solo speranza nel futuro», afferma il presidente Roberto Costa. «Dispiace non essere più dove meritavamo, ma alla fine siamo orgogliosi di quello stiamo ricostruendo, sia come società, sia come paese».Nel 2014 inizia il sogno, il Castelbaldo Masi vince la Coppa Veneto di Seconda Categoria e si qualifica in Prima Categoria per la seconda volta. La squadra inizia a dare ottimi risultati e Michele Ottoboni riesce a vedere nella società un ottimo futuro, investendo su di loro come sponsor. «Non mi rammarico per nulla per quegli anni, ho sempre dato anima e cuore per quella società e per il paese, purtroppo alcune divergenze con il sindaco hanno impedito la continuazione di questa piccola favola», racconta Ottoboni. La scalata arriva fino all' Eccellenza, la società riesce a disputare due campionati, entrambi bloccati dalla pandemia. «Nel campionato 19/20, a febbraio, eravamo terzi, a 8 punti dal Sona. Ora il Sona si trova in serie D, quindi si può dire che, come squadra, eravamo all'altezza del campionato d' Eccellenza. Dispiace essere usciti da quel mondo pieno di alte ambizioni, ma sono fiducioso di quello che stiamo ricostruendo», dichiara con emozione il sindaco di Castelbaldo Riccardo Bernardinello.Arrivati alla stagione 21/22 lo sponsor Michele Ottoboni decide di lasciare la società vendendo il titolo all' Accademy Plateola, decidendo di ripartire anche lui da una Terza Categoria con l'Abbazia. «In questa società mi trovo bene, dobbiamo ancora conoscere la sconfitta, prevedo un percorso pieno di successi, ho grandi ambizioni. Ora siamo primi e nulla ci può fermare», afferma Ottoboni. Per questione burocratiche ora la squadra riparte dalla minor categoria con il nome di "Castelbaldo 2021", nonostante la maggior parte dei giocatori sia originaria del comune di Masi. Nessun giocatore che ha partecipato alla scalata verso l'Eccellenza è rimasto attaccato alla maglia, per questo la nuova squadra è stata formata dagli ex Amatori del Castelbaldo Masi.«In futuro auspico che il nome della società torni ad essere quello del passato, non voglio escludere il comune di Masi da questo percorso», racconta il sindaco. «Ringrazio la vecchia squadra Amatori per aver creduto in questo progetto». Doveva essere un anno di transizione e di sperimentazione, ma al contrario è diventato di speranza e ambizione. «Siamo secondi a tre punti dal Bonferraro, per me c'è la possibilità di puntare alto, c'è bisogno di costanza e passione. Ringrazio il paese che da stimolo ai nostri ragazzi, ogni partita abbiamo più di cento persone a tifare per noi», afferma Costa. La strada è ancora lunga, e il Castelbaldo 2021 è pronto ad affrontarla, saltando tutti quegli ostacoli che potranno essere presenti lungo questa strada verso il successo. --Pietro Cesaro