«Arcella, omicidio da ergastolo»

Davanti alla Corte d'assise di Padova il pm Maria D'Arpa ha chiesto la condanna all'ergastolo per Sergiu Buruiana, 27enne moldavo latitante, già residente a Saonara dove vivono i genitori, accusato di concorso in omicidio e porto illegale di una pistola. L'accusa? Avrebbe partecipato (sia pure non come esecutore materiale) all'assassinio del tunisino Saber Labidi, 36 anni, ucciso con un colpo di pistola calibro 7.65 sparato all'altezza dello zigomo sinistro in piazzale Azzurri d'Italia all'Arcella. Il delitto era avvenuto nella notte del 2 aprile 2012 dopo una lite fra immigrati dell'Est e nordafricani. L'avvocato Elisabetta Costa, che si è costituita parte civile per la famiglia della vittima, ha chiesto un risarcimento di 100 mila euro. Il 10 aprile la parola al difensore, l'avvocato Roberta Dall'Oglio, poi la sentenza. È già stato condannato a 14 anni Andrei Rusu, trentenne moldavo residente a Noale: aveva confessato, contribuendo a ricostruire l'accaduto. L'esecutore materiale dell'omicidio – Asot Edigarean, moldavo, 22 anni – è stato arrestato in Russia: a fine dicembre l'estradizione in Italia. (cri.gen.)