Centrodestra diviso a Cadoneghe Anna Talpo sfiderà Giovanni Bottecchia

CADONEGHE.La partita elettorale si giocherà probabilmente come un poker, in quattro. Tante infatti sono a questo momento le liste che si presenteranno, due per il centrodestra, altrettante per il centrosinistra. L'Udc è alla finestra ad osservare, prima di decidere le modalità con cui partecipare alla tornata elettorale.
Se il sindaco uscente Mirco Gastaldon e il suo avversario di centrosinistra Maurizio Angelini avevano già fatto il loro gioco presentando liste, simboli e candidati, il centrodestra ha scoperto solo ora le sue carte, svelando i due schieramenti distinti: proprio in virtù di questa spaccatura interna, nessuna delle due liste potrà presentarsi però con l'effige del simbolo del Pdl. La parte di Forza Italia e Alleanza Nazionale rimasta con Pier Antonio Maschi e Gianni Fugolo correrà insieme alla Lega Nord: l'altro ieri ha calato il suo asso indicando il candidato sindaco nella persona di Anna Luisa Talpo, in quota alla Lega. «La mia candidatura è servita solo come provocazione per sbloccare la situazione in cui ci eravamo arenati - spiega Maschi, che un mese fa aveva annunciato di correre per la poltrona di primo cittadino - Se non forzavo la mano, rischiavamo di non presentare alcuna lista». L'effetto di tale mossa è stata la diaspora di alcuni consiglieri comunali, che hanno formato la civica «Per Cadoneghe - Sicurezza & prosperità», che candiderà Giovanni Bottecchia.
Guarda intanto gli sviluppi l'Udc, studiando la mossa giusta da giocare: «Stiamo in attesa di prendere delle decisioni - dichiara Luigi Sposato - Continuiamo ad auspicare il ricompattamento del centrodestra». (cri.s.)