Alloggi da destinare ai nuclei famigliari in difficoltà economiche

IVREAIndividuare case e alloggi nei Comuni canavesani da mettere a disposizione di nuclei famigliari in difficoltà, supportandoli nella gestione economica dell'affitto, delle spese e dell'arredo. È l'ultimo progetto lanciato da Fondazione di Comunità del Canavese, l'ente che ha come finalità lo sviluppo della cultura del dono ed il sostegno, mediante le risorse che vengono raccolte sul territorio, allo sviluppo e all'innovazione del welfare locale. La raccolta fondi "con-viviamo" nasce all'interno del progetto "Intrecci, percorsi di inclusione e solidarietà" e vuole farsi carico del fenomeno purtroppo ancora molto diffuso dell'emergenza abitativa. «Abbiamo bisogno di raccogliere 10.000 euro per garantire un ulteriore anno di respiro alle azioni già avviate, alle persone che stiamo affiancando e alla gestione di nuove case che possano ospitare altri nuclei familiari - spiega Augusto Vino, presidente della Fondazione -. Avere una casa vuol dire avere radici che danno forza e mura possenti che danno coraggio. Una casa è un porto sicuro, èun rifugio in cui sentirsi protetti e soprattutto è un punto di partenza da cui poter iniziare una nuova vita».I beneficiari del progetto verranno inoltre affiancati con interventi definiti di "accompagnamento leggero", con l'obiettivo di individuare, sostenere e valorizzare le risorse personali di ognuno. In questo modo si faciliteranno percorsi di autonomia e di attivazione di gruppi di auto-mutuo-aiuto capaci di creare opportunità di scambio e di socialità. Nei mesi scorsi, a partire da maggio 2022, il progetto "Intrecci" ha già individuato una casa a Samone per un nucleo famigliare di 4 persone (2 genitori e 2 figli), una casa a Cascinette d'Ivrea per un secondo nucleo famigliare composto da 4 persone (2 genitori e 2 figli) e una casa a Pavone per una persona singola. --