Mangialonga sulla riva del Po L'idea di quattro Pro loco

BRESSANA BOTTARONELe Pro Loco di Mezzanino, Bressana Bottarone, Verrua Po e Rea uniscono le forze per un grande evento in primavera dedicato alla valorizzazione del territorio. Ieri mattina, in municipio a Bressana, è stato presentato il progetto: si tratta della Mangialonga-Porte dell'Oltrepo, che si terrà domenica 14 maggio 2023, una camminata enogastronomica dal ponte della Becca a quello di Bressana passando tra strade interpoderali e sentieri lungo le rive del Po con soste per assaggi di cibo (gli antipasti a Mezzanino, i primi a Verrua, i secondi a Rea, i dolci a Bressana). Un'idea nata da Mauro Torti, presidente della Pro Loco di Mezzanino, che, a causa della chiusura di un locale in paese, che ospitava la manifestazione "Mangià di Nos", e l'assenza di altre location adatte per manifestazioni di questo tipo, ha deciso di lanciare una collaborazione su larga scala con le tre Pro Loco vicine e pensare ad un grande evento primaverile per tutto il territorio. «Vogliamo che la Mangialonga diventi una manifestazione tradizionale e una vetrina di tutto l'Oltrepo, visto che cercheremo di portare non solo gente del posto, ma anche pavesi e milanesi. Inoltre, coinvolgeremo aziende, negozi e associazioni che vogliono condividere con noi questa avventura. Abbiamo la fortuna di vivere in uno dei posti più belli, sulle rive del grande fiume d'Italia, che va però valorizzato di più». Insieme a Torti, erano presenti i rappresentanti delle altre Pro Loco, i sindaci di Bressana e Rea, Giorgio Fasani e Claudio Segni, la preside dell'istituto comprensivo di Bressana, Chiara Montanari, con alunni e insegnanti delle classi 4ªA e 5ªA del plesso di Mezzanino, 4ªA e 5ªA di Verrua, 4ªA e 5ªB di Bressana che hanno contribuito a realizzare il logo della manifestazione, svelato al termine della giornata. Gli studenti sono stati premiati con un attestato per ogni classe coinvolta. «Si tratta di un momento molto importante per tutti - ha sottolineato il sindaco Fasani -. Quattro Comuni che si mettono insieme per valorizzare un territorio molto bello, ma ancora poco conosciuto». La preside Montanari ha ringraziato i ragazzi perché con i loro disegni «hanno espresso a loro modo l'idea di Mangialonga»: «Grazie a tutti coloro che si spenderanno per la buona riuscita della manifestazione, che, dopo gli anni del Covid, ci vede finalmente in giro all'aria aperta e con un po' di leggerezza ad apprezzare questo territorio ricco e le sue particolarità alimentari» ha aggiunto la dirigente. --Oliviero Maggi