A Lomello da martedì un corso per cucinare il risotto perfetto

LOMELLOAncora posti liberi per il corso di risotto organizzato dalla Pro loco con il patrocinio del Comune di Lomello e dell'Ecomuseo del paesaggio lomellino. «Il numero massimo è di quindici - spiega Giovanni Nipoti, ideatore del corso e responsabile azienda di cascina Santa Maria dei Cieli - Ci aspettiamo di coprire tutti i posti disponibili per far conoscere e apprezzare il piatto principe della nostra terra». Nei prossimi quattro martedì del mese i docenti e i partecipanti si ritroveranno per altrettante lezioni teorico-pratiche nello spazio della Pro loco in via Foscolo: l'ultima serata, quella del 6 dicembre, sarà una sorta di compito in classe in cui i partecipanti metteranno in pratica quanto appreso nel mese precedente. I docenti saranno Cinzia Simonelli, responsabile della qualità al laboratorio chimico-merceologico del Centro ricerche sul riso di Castello d'Agogna (due serate), il giornalista Stefano Calvi e lo stesso Nipoti. Coinvolti anche quattro fra chef e gastronomi: Maurizio Toscanini, chef dell'Osteria del Campanile di Torrazza Coste che utilizzerà un Vialone nano, Franco Tolasi, co-titolare della Salumeria Nicolino di Mortara e produttore di salami d'oca (Riso Lomello), Niccolò Boveri, chef di Ca' Zanetti di Villa Biscossi (Riso Baldo), e i cuochi della Pro loco sannazzarese, chiamati a preparare un risotto con riso Carnaroli, rapa rossa e formaggio Burgundella. «La caratteristica e del risotto - riassume Nipoti - è il mantenimento dell'amido, che lega i chicchi in un composto di tipo cremoso. Alcune varietà sono adatte alla preparazione del risotto: Arborio, Baldo, Carnaroli, Maratelli, Razza 77, Rosa Marchetti e Vialone Nano, senza dimenticare il nostro Lomello. Nelle nostre lezioni insegneremo le varie fasi, dal preriscaldamento (tostatura) fino alla mantecatura». Informazioni al numero: 327.1085241. --U.D.A.