Miradolo, nasce area per lo sport all'aria aperta

MIRADOLO Hanno preso il via i lavori per realizzare una nuova area per lo sport all'aperto, poco distante dal campo sportivo. E sono terminati i lavori della nuova piazza Santa Maria e del prolungamento della ciclabile che collega Miradolo alla frazione Terme. Interventi che, spiega la sindaca Michela Callegari, puntano ad adeguare i servizi e a rendere più funzionali gli spazi urbani. «Abbiamo voluto individuare un'area da dedicare allo sport per consentire a tutti i cittadini di usufruire di attrezzature idonee», sottolinea il primo cittadino, ricordando poi che le opere sono costate 200mila euro, risorse stanziate dalla Regione, attraverso i fondi destinati ai Comuni che hanno tra i 3.001 e i 5.000 abitanti, per interventi di riqualificazione urbana ed efficientamento energetico. «La precedente amministrazione decise di completare il percorso ciclopedonale e di realizzare un nuovo piazzale tra piazza IV Novembre e piazza Unità d'Italia - spiega Callegari -. Non è stata un'opera facile perché, una volta insediati, abbiamo scoperto che il progetto aveva dei problemi e quindi, pur esponendoci a qualche critica, abbiamo deciso di fermare tutto e studiare una diversa soluzione, con tutti i sottoservizi necessari. Oggi posso dire che è stata una scelta corretta. Miradolo ha una bella piazza che è stata denominata piazza Santa Maria». All'inaugurazione erano presenti il presidente della Provincia Giovanni Palli e alcuni sindaci della Bassa: Elio Grossi di Santa Cristina e i primi cittadini di Albuzzano, Marco Tombola, di Badia Pavese, Ginetta Granata, di Inverno, Andrea Lazzari. «L'opera - precisa Callegari - ha potuto vedere la luce grazie al lavoro dell'ufficio tecnico e all'impegno del consigliere comunale Matteo Corona che, per mesi, ha messo a disposizione gratuitamente le sue competenze tecniche consentendoci di realizzare il nuovo piazzale». --Stefania Prato