Un lunghissimo elenco di soci conferitori indicati come complici

CANNETO PAVESEL'indagine, partita nel 2020, coinvolge gli ex vertici della cantina di Canneto Pavese e alcuni enologi, ma per la procura la presunta contraffazione di vino sarebbe stata possibile con la complicità dei conferitori di uve. Nell'elenco degli indagati ci sono anche una trentina di aziende del territorio che hanno portato le uve in cantina nel periodo preso in esame dagli inquirenti, tra il 2018 e il 2020. Ecco i nomi di tutti gli indagati. Alberto Carini, 48 anni, residente a Castelverde in provincia di Cremona che era presidente e consigliere delegato del consiglio di amministrazione della cantina di Canneto; Claudio Rampini, 65 anni, residente a Santa Maria della Versa, finito nell'inchiesta in qualità di mediatore di vini e a Carla Colombi, 67 anni, di Montescano, responsabile amministrativa e componente del vecchio consiglio di amministrazione. Avviso di conclusione delle indagini anche per gli enologi Aldo Venco (Casteggio) e Massimo Caprioli (Stradella), oltre ai soci conferitori Cesare Forlino (Borgo Priolo) e Davide Orlandi (Santa Maria della Versa). A questi ora si aggiungono i nomi di altri conferitori di uve: Stefano Ferrari (Corvino San Quirico), Stefania Copelli (Santa Maria della Versa), Mariano Testori (Santa Maria della Versa), Filippo Scarabelli (Stradella), Agostino Gazzola (Montescano), Sergio Ceccherini (Pavia), Giancarlo Baruffi (Santa Maria della Versa), Diego Crivelli (Borgo Priolo), Adriano Nonna (Borgoratto Mormorolo), Angelo Villani (Montalto Pavese), Lino Maini (Santa Maria della Versa), Luigi Cagnoni (Montescano), Vincenzina Sclavi (Canneto Pavese), Tonino Bolognesi (Milano), Andrea Bernini (Broni), Augusto Milanesi (Oliva Gessi), Laura Calatroni (Milano), Gabriele Beccacci (Montalto Pavese), Luigi Belcredi (Montalto Pavese), Amedeo Gasio (Santa Maria della Versa), Marina Semini (Bagnaria), Onorio Fabris (Stradella), Mario Cordini (Golferenzo), Dino Alberto Scarabelli (Montecalvo Versiggia), Andrea Pradelli (Lirio), Marco Duca (Montecalvo Versiggia), Pietro Aramini (Montescano), Alberto Covini (Stradella), Giuseppe Beltrami (Santa Maria della Versa), Angelo Prevedini (Stradella). Indagata, infine, la stessa società "cantina di Canneto Pavese". --