Senza Titolo

STRADELLALa Lega piange Giuseppe Vercesi, fondatore della sezione di Stradella, storico militante e consigliere comunale, scomparso ieri a 86 anni. Leghista della prima ora (il 15 settembre 1996 era lungo il Po per la proclamazione dell'indipendenza della Padania), tesserato di lungo corso, è stato più volte segretario cittadino e di circoscrizione, candidato sindaco e poi consigliere comunale e capogruppo di minoranza della Lega nell'assemblea cittadina di Stradella dal 2004 al 2014 con le giunte di Torre Civica guidate da Pierangelo Lombardi. Tante le battaglie portate avanti dagli scranni di Palazzo Isimbardi, in particolare per la tutela dell'ambiente. È stato anche nel Cda di Pavia Acque. Nel 2019 aveva deciso di non ripresentarsi, lasciando spazio alla figlia Maria Grazia, attuale assessora alle Pari opportunità e Teatro, ma ha continuato ad interessarsi, compatibilmente con le sue condizioni di salute, alla vita politica della città. Era un grande appassionato di moto. «La sezione di Stradella non sarà più come prima senza Giuseppe - commenta il segretario cittadino, e genero di Vercesi, Andrea Scagni -. Lui si definiva un soldato, un vero uomo del movimento, era sempre il primo ad arrivare e l'ultimo ad andarsene, quando fare politica al 4% non era così facile». Tantissimi i messaggi di cordoglio da parte dei compagni di partito della Lega locale e provinciale,e di esponenti di altri partiti. «Una brava persona. Un uomo dai principi sani e non negoziabili» è il ricordo dell'ex consigliere regionale leghista Lorenzo Demartini. Vercesi lascia la moglie Angela, le figlie Elisabetta e Maria Grazia. Questa sera, alle 20.30, alla chiesa della Versa sarà recitato il rosario, mentre i funerali sono in programma domani mattina, alle 11, nella chiesa parrocchiale di Stradella. --O.M.