Sedi associative nella ex pretura e piazza Silvabella cambierà volto

Sandro Barberis / mortaraUn parco fotovoltaico in un terreno nell'area industriale Cipal già di proprietà comunale e il recupero della ex pretura di piazza Guida per trasformala nella casa delle associazioni. Sono questi i due nuovi obiettivi della giunta di destra di Mortara guidata dal sindaco Ettore Gerosa.«E stiamo avviando invece una sistemazione di piazza Silvabella per abbellirla, un po' più di verde e aiuole - spiega Gerosa -. Vogliamo rendere più gradevole all'aspetto la piazza centrale della città, facendo sì che sembri meno un deposito d'auto in sosta». Progetti che faranno parte del documento unico di programmazione che verrà portato in consiglio tra pochi giorni dall'amministrazione eletta lo scorso giugno dopo dieci anni di guida leghista del Comune.l'idea fotovoltaicoIl progetto più a lungo termine è quello di un parco fotovoltaico in un terreno ora incolto nell'area industriale alla periferia verso Castello d'Agogna, la zona di sviluppo ex Cipal. «Proprio ieri abbiamo presentato una nostra candidatura per accedere ai fondi del Pnrr per questo scopo, si tratta di una richiesta importante: oltre 3 milioni di euro - evidenzia il sindaco di Mortara, Ettore Gerosa -. Se non dovessimo riuscire ad avere quei fondi pensiamo comunque di installare pannelli fotovoltaici, magari nella zona degli impianti sportivi. L'obiettivo è chiaro: poter avere una quantità di energia elettrica importante prodotta da nostri impianti per poter alimentare gli edifici pubblici e gli impianti sportivi comunali della città. Ovviamente, questo come altri progetti, dipendono dall'andamento dei bandi Pnrr». il progetto per l'ex pretura Più di facile e anche veloce realizzazione invece sarà il progetto di recupero della ex pretura di piazza Guida, immobile in parziale disuso ormai da decenni. Tramonta l'idea della giunta precedente di Marco Facchinotti di vendere la ex pretura. «Il recupero è un progetto che faremo, sicuramente meno impegnativo dal punto di vista economico - aggiunge ancora il sindaco di Mortara -. Al piano terra c'è già la protezione civile, nei piani superiori ci sarà spazio per parecchie associazioni almeno una decina. Riteniamo questo progetto importante per tutti gli enti e associazioni che operano in città che così avranno un punto unico in cui trovarsi, un riferimento per tutta Mortara». L'altro immobile messo in vendita dalla passata giunta era la ex caserma dei pompieri in piazza Trieste: «Stiamo facendo delle valutazioni per capire anche il futuro di quest'area - chiude il sindaco -. Potrebbe sorgere una nuova piazza, ma si potrebbe anche ipotizzare un recupero edilizio». --