Pulizia di 400 tombini così Dorno previene il rischio allagamenti

DORNO Il Comune investe circa 15mila euro per la pulizia di 400 tombini: operazione necessaria per prevenire gli allagamenti. Quelle che ormai tutti definiscono "bombe d'acqua" avevano mandato in tilt la rete fognaria di alcune strade, in particolare, via Secondo Bonacossa, via Roma, via Vittorio Veneto e via Conte Cesare Bonacossa, con conseguente allagamento di case, cantine, garage e l'intervento di vigili del fuoco e Protezione civile. «Le caditoie stradali - spiega il sindaco Francesco Perotti - non rientrano a carico di Pavia Acque che ha in gestione tutta la rete fognaria e idrica, ma non i tombini. Abbiamo pertanto deciso una pulizia completa, al contrario degli altri anni quando si pulivano solo quelle caditoie che risultavano visivamente ostruite o molto sporche».L'affidamento dei lavori di pulizia praticamente della gran parte dei tombini presenti sul territorio dornese era stata deliberata dalla giunta di piazza Bonacossa lo scorso mese di giugno e i lavori sono iniziati in questi giorni. La conclusione dell'intervento avverrà nell'arco di poco tempo. «In questo modo cerchiamo di prevenire i fenomeni legati a piogge abbondanti - conclude il sindaco Francesco Perotti - escludendo quindi che eventuali allagamenti siano legati a tombini ostruiti. Il costo è di 36,60 euro a tombino e la pratica che viene effettuata dagli addetti dell'azienda incaricata riguarda l'aspirazione della parte sottostante la caditoia ed il lavaggio». --mauro depaoli