Scarabelli sul palco con Katia Ricciarelli «Faremo un duetto con Marechiare»

il personaggioDuettare con un grande artista è il sogno di ogni giovane emergente. Un sogno che Nicolò Scarabelli, cantante e cantautore 26enne di Santa Maria della Versa, realizzerà domani, quando salirà sul palco con la soprano Katia Ricciarelli. «Il mio percorso artistico è iniziato undici anni fa: sono stato il primo allievo dell'"Hde-mia" di Broni, iscrivendomi alle prime lezioni di canto. Da allora non ho mai abbandonato questa passione, proseguendo nell'apprendimento e nuovi corsi», racconta Nicolò. Dopo aver superato le fasi regionali della "Performer italian cup" di Milano, nelle quali si è classificato secondo nella categoria "canto maschile over 18", Nicolò ha avuto l'accesso alle finali nazionali di Ostia, dove si è piazzato tra i primi quattro: un risultato che gli permetterà di gareggiare ai campionati europei del prossimo anno. il gran galàDomani parteciperà al "Gran Galà della musica", in programma presso le "Tenute Lu Spada" di Brindisi, dove avrà l'occasione di duettare con Katia Ricciarelli: «Mi si è prospettata questa occasione grazie all'interessamento dei miei insegnanti, che hanno segnalato il mio nome agli organizzatori: successivamente sono stato selezionato tra una rosa di giovani emergenti italiani», prosegue Scarabelli. «Sarà una serata dedicata alla canzone napoletana e io duetterò con il brano "Marechiare": provengo da un'impostazione pop, non classica, ma la mia voce si adatta anche a questo genere di musica. Ringrazio la direttrice Enrica Cabri, l'organizzatrice Lorella Moretti e gli insegnanti Antonio Gargiulo, Elena Bonanata, Luca Bechelli e Daniele Spaziani per i loro insegnamenti e per quanto fatto in questi anni di accademia». Per ora questo è solo un hobby, ma Nicolò ha già le idee chiare per il suo futuro: «Spero di riuscire a trasformare questa passione in un vero e proprio lavoro. Ho inciso già alcuni brani, di cui uno in uscita a breve dal titolo "Blu". Prossimamente parteciperò alle selezioni per un grande evento nazionale, sperando di raggiungere un buon risultato», conclude l'artista. --Manuele Riccardi