Senso unico e polemiche «Cartelli poco visibili» E molti non li rispettano

SANTA MARIA DELLA VERSADa alcuni giorni sono iniziati i lavori di rifacimento dei marciapiedi lungo via Roma, strada che attraversa il centro abitato di Santa Maria della Versa.Per facilitare la manovra dei mezzi di demolizione, la carreggiata è stata ridotta ad un solo senso di circolazione, per le automobili provenienti da Stradella in direzione Montecalvo Versiggia, costringendo i mezzi provenienti dalle colline a percorrere la parallela via Carabinieri d'Italia con immissione in via Pianella. Una variazione alla circolazione che, sebbene provvisoria, ha creato alcuni problemi alla circolazione, soprattutto nei primi giorni di chiusura: diversi automobilisti, infatti, si sono ritrovati faccia a faccia con le vetture che scendevano in senso vietato. «Non c'è stata nessuna comunicazione anticipava il senso unico e l'inizio dei lavori», spiega Paolo, un automobilista residente di Santa Maria della Versa . «Soprattutto il primo giorno c'è stata grande confusione, incentivata anche dai lavori di posa della fibra ottica nelle imminenti vicinanze», specifica.Ad incrementare il disagio, vi è infatti un secondo cantiere, dove è in corso l'installazione dei cavi della fibra ottica con la conseguente rottura del manto stradale: su quella tratta della via, invece, la circolazione era a doppio senso di marcia, sebbene la carreggiata fosse ridotta.«Forse non si tratta del periodo migliore per iniziare questi lavori, dato che siamo in piena vendemmia e la strada principale è percorsa da diversi trattori carichi di uve» - afferma un anziano al bar, intento ad osservare i cantieri. Non manca la replica del sindaco, Stefano Riccardi, che ci tiene a far chiarezza sulla modalità con la quale è stato modificato il senso di marcia sulla provinciale e sulle tempistiche: «Sulle transenne è ben visibile l'avviso di modifica della circolazione e il divieto d'accesso in via Roma da chi proviene da Soriasco e Montecalvo - precisa il sindaco - I lavori sarebbero dovuti iniziare molto prima, dopo la manifestazione "Calici & Sapori" tenutasi tre settimane fa ma purtroppo, a causa di ritardi, la ditta ha potuto avviare il cantiere solo ora». «Una parte del contributo con cui sono stati finanziati i marciapiedi prevedeva l'obbligo di inizio lavori entro il 15 settembre e per questo abbiamo dovuto rispettare le tempistiche», conclude Riccardi. Il cantiere rimarrà aperto ancora per alcune settimane. --Manuele Riccardi