Nuova fognatura e sistemazione dell'ex statale 412 Raggiunto l'accordo

VILLANTERIO Partiranno a breve i lavori per una nuova rete fognaria che colleghi la frazione Bolognola, dove si contano 150 residenti, e i cascinali vicini al depuratore di Villanterio. Un intervento atteso da tempo, richiesto dall'amministrazione Corbellini e realizzato da Pavia Acque che, sul piatto, ha messo un milione 150mila euro, inserendolo tra le opere prioritarie. Si procederà anche con l'ampliamento e la messa in sicurezza del tratto di ex statale 412, di circa 3 chilometri, che unisce Bolognola alle località Falcone e Cigno e quindi al capoluogo, passando da via Roma. Una strada ancora molto utilizzata dai residenti e dai pendolari che gravitano su Milano, nonostante la bretella costruita nel 2015. «A Bolognola - spiega Eva Imparato, presidente di Pavia Acque - esiste una commistione di scarichi in reticolo idrico che andavano risolti attraverso questo intervento di collettamento dei reflui verso l'impianto di depurazione, eliminando l'impatto ambientale. In accordo con la Provincia, verrà allargata anche la strada provinciale. Abbiamo sottoscritto il contratto poche settimane fa e stiamo completando gli adempimenti formali per partire nei prossimi mesi». «Da anni - sottolinea il sindaco Silvio Corbellini - sollecitiamo la realizzazione della fognatura e la riqualificazione del vecchio tratto di 412. Risale al 2018 la prima ipotesi di allacciamento alla rete comunale e quindi il collettamento al depuratore di Villanterio che raccoglie tutti i reflui urbani degli agglomerati di Marzano, Torre d'Arese e di frazioni come Castel Lambro e Spirago».Il sindaco ricorda poi che nel novembre 2019 era stata sottoscritta una convenzione tra il Comune, la società che gestisce il servizio idrico e l'ente provinciale. Lo scorso agosto l'affidamento dell'appalto alla Dhd srl con sede a Lombardore e a breve il via ai lavori che si dovrebbero concludere entro fine giugno 2023. Da Pavia Acque spiegano che si prevede la realizzazione di una dorsale fognaria in pressione per il conferimento dei reflui all'impianto di depurazione intercomunale attraverso due nuovi impianti di sollevamento, con il primo subito allacciato alla rete di nuova realizzazione, a valle dell'abitato della frazione sul lato est, che colletterà i reflui fino alla tenuta "il Cigno", da qui il secondo nuovo impianto, che raccoglierà i reflui della tenuta e della Cascina Malcontenta Poi l'invio nella fognatura di via Roma.«Con le nuove opere - precisano - viene superata la criticità connessa alla commistione di acque di tipo fognario e irriguo a Bolognola, oltre alla posa di una nuova condotta per il potenziamento dell'acquedotto». --Stefania Prato