I volontari ambientali «Tre mesi di controlli per difendere Gropello»

Il casoGROPELLOA Gropello la minoranza de "L'Aquilone" con una interpellanza della capogruppo Clara Valenti chiede conto al Comune dell'attività della Guardia nazionale ambientale (sezione di Borgarello) a circa tre mesi dalla convenzione stipulata dalla giunta Bergamaschi con il sodalizio che ha il compito di tutela ambientale. Una convenzione da tremila euro. La risposta arriva attraverso una nota dei volontari della Guardia nazionale ambientale guidati dal dirigente Massimo Soressi. «In questi mesi - dice il comunicato - sono state identificate persone non residenti che nel parcheggio del cimitero stavano abbandonando rifiuti e le abbiamo segnalate alle autorità. C'è stato un controllo stradale per il trasporto di animali perché era stato segnalato un possibile caso di maltrattamento. A giugno sono stati redarguiti 5 soggetti di entrambi i sessi che non chiudevano bene i contenitori dei rifiuti. Poi abbiamo svolto pattugliamenti costanti durante la festa della birra svoltasi a luglio e controllato persone che si aggiravano con fare sospetto sul territorio comunale». La convenzione con la Guardia nazionale ambientale è stata comunicata dalla sindaca di Gropello Elisa Olga Bergamaschi nel consiglio comunale del 5 maggio. «Con la convenzione - ha detto la prima cittadina - vogliamo perseguire la salvaguardia l'ambientale e la salute dei cittadini. I volontari si occuperanno anche di prevenzione dei reati concernenti le leggi e i regolamenti in materia di protezione degli animali e tutela ambientale». --