Piazza "verde" confronto aperto solo ai negozianti

G. Scarpa / Pieve porto moronePiazza "green", il sindaco accetta il faccia a faccia con i commercianti che contestano il progetto di riqualificazione. L'appuntamento è per domani sera, in sala consiliare. Un confronto chiesto e ottenuto dai negozianti, cui non piace l'idea di trasformare, di fatto, piazza San Vittore in una grande area verde.Ma, avverte il sindaco, non si tratterà di un'assemblea pubblica, come chiesto anche dall'opposizione. «L'invito è rivolto solo a chi ha attività che si affacciano sulla piazza _ taglia corto Virginio Anselmi _. Nessun altro potrà presenziare. Sarà l'occasione per spiegare il progetto, far capire che non ci saranno penalizzazioni». Per tutti gli altri, però, la riunione sarà off-limits. Come spiegato nell'invito spedito dal Comune: «Al fine di evitare sovraffollamento nella sala, si precisa che l'invito è limitato a una sola persona per ciascuna attività commerciale». Ma l'opposizione è già sul piede di guerra. Mentre l'ex consigliere di maggioranza, Claudio Massari, annuncia di voler partecipare, il capogruppo di opposizione Angelo Cobianchi attacca la giunta. «Obbligano a presentarsi una persona sola per negozio _ dice _. Non si capisce il motivo, visto che lo spazio in aula c'è. Non hanno invitato neanche gli agricoltori, che dalla piazza passano con i loro mezzi per andare nei campi. La verità è che hanno paura del confronto». Anselmi, comunque, assicura di essere determinato a portare avanti l'idea. Il progetto, da 500 mila euro, prevede piantumazioni, siepi, panchine, gazebo, una parte interamente lastricata, con il "cuore" di piazza San Vittore pedonale. Insomma, una sorta di salotto. Ma proprio il nodo della viabilità, che verrebbe totalmente modificata, ha fatto sorgere numerosi dubbi. Sono stati i commercianti della piazza a dare il via ad una petizione che nel giro di poco tempo ha raggiunto quasi 400 adesioni. --