I nuovi progetti per il Distretto del commercio

BRONI Riqualificazione dei centri storici di Broni, Stradella e Casteggio, bandi a favore delle attività commerciali, mappatura dei locali sfitti, una cabina di regia sui problemi del commercio. Sono questi alcuni dei progetti che saranno presentati con il bando del Distretto del Commercio della via Emilia, a cui parteciperanno i Comuni di Broni (capofila), Stradella, Casteggio, Albaredo, Campospinoso, Cigognola, Corvino San Quirico, Redavalle, Robecco Pavese, Santa Giuletta, Torricella Verzate con il supporto di Provincia e Confcommercio Pavia. Il bando prevede una spesa minima di 400.000 euro per i progetti di eccellenza (quelli che saranno valutati con il punteggio più alto) e 150.000 per gli altri (per una spesa totale possibile di 1,5 milioni di euro), da finanziare in parte con contributi regionali e in parte con risorse degli enti locali. L'obiettivo è un miglioramento dei centri storici delle tre città principali e il rafforzamento del commercio di vicinato attraverso contributi diretti alle singole attività, destinati all'ammodernamento dei negozi. Tra i progetti presentati dai Comuni, la riqualificazione della via Emilia a Broni con il rifacimento del manto stradale e la posa dell'arredo urbano, la riqualificazione di piazza Dante a Casteggio, la sistemazione dei percorsi pedonali e del verde pubblico nei giardini di via Battisti e nell'area Rondò a Stradella, l'installazione di elementi di promozione territoriale e il restauro delle lapidi commemorative sempre a Stradella.Tra le altre azioni, oltre all'organizzazione delle tradizionali feste legate all'enogastronomia, come il Vinuva e la Festa dell'Uva, sono previsti servizi dedicati alle imprese, tra cui la mappatura dei locali sfitti per favorire nuove opportunità di insediamento. «Gli importi esatti al momento non possono essere definiti - spiegano il sindaco di Broni, Antonio Riviezzi, e l'assessora al Commercio, Mariarosa Estini - . In ogni caso, sia le progettualità dei privati sia quelle pubbliche concorreranno a rendere la città ancora più elegante e accogliente, a vantaggio dei commercianti e della popolazione». --O.M.