Il dolore degli amici per il 55enne annegato «Un gran lavoratore»

STRADELLALa comunità albanese di Stradella e dei centri vicini in lacrime per la tragica scomparsa di Daka Shkelqim, conosciuto come Jimmy, il bracciante agricolo 55enne, annegato giovedì pomeriggio in Ticino sotto gli occhi della sua compagna e degli altri bagnanti che si trovavano in quel momento sulla spiaggia. «Jimmy era davvero un grande lavoratore, era sempre impegnato nei campi, ma poi d'estate gli piaceva andare a fare un bagno in Ticino per rinfrescarsi dalla calura estiva» raccontano gli amici ancora increduli per l'accaduto. E quello di giovedì era proprio uno di quei pomeriggi che il 55enne dedicava al tempo libero insieme alla sua compagna alla confluenza tra i due fiumi. La tragedia è accaduta verso le 16, sulla spiaggia nei pressi del ponte della Becca, nel territorio del Comune di Linarolo: l'operaio si è immerso nelle acque del Ticino e si è allontanato dalla visuale della compagna. A dare l'allarme è stato un ragazzo che ha visto il 55enne in difficoltà non riemergere dall'acqua e ha subito avvisato la donna, che inizialmente pensava fosse uscito dal fiume in un altro punto senza essere visto. Immediatamente sono stati avvisati i vigili del fuoco, ambulanza e automedica del 118 e i carabinieri della stazione di Belgioioso, che, dopo due ore di ricerche, hanno ritrovato il corpo e lo hanno riportato a riva. Purtroppo i soccorritori non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso. Non si conoscono ancora i dettagli dell'ultimo saluto del 55enne, che viveva in via Brodolini a Stradella insieme alla compagna. La comunità albanese della zona ha espresso la sua vicinanza e il suo aiuto alla famiglia dell'operaio. --