«Aiuto, strani rumori nella notte» Soccorse due ragazze in tenda

la storiaUna tranquilla serata in tenda si è trasformata in una notte di paura per due ragazze che avevano scelto i boschi dell'Appennino per trascorrere qualche giorno al fresco percorrendo i sentieri lungo la Via del Sale. Impaurite da diversi rumori, che temevano fossero di persone malintenzionate ma con ogni probabilità erano piuttosto di cinghiali o caprioli che in questi luoghi trovano il loro habitat naturale, hanno chiesto aiuto ai carabinieri e alla fine sono state recuperate dai volontari della Protezione civile della Comunità montana dell'Oltrepo pavese di Varzi. Il fatto è accaduto poco dopo le 23 di mercoledì, nei boschi del Comune di Santa Margherita di Staffora. Le giovani da qualche ora avevano scelto di passare la notte tra i verdi pascoli a ridosso della chiesetta della Madonna del Bocco, dove dal 1947 al 1956 per ben 80 volte Angela Volpini vide la Madonna, tanto da far erigere in questi luoghi una cappelletta e la chiesa. Tra questi anfratti le ragazze hanno installato la propria tenda, ma poco dopo le 22 hanno iniziato a sentire dei rumori provenire dal bosco. Rumori che con il passare dei minuti sembravano sempre più vicini e più forti.A quel punto, impaurite, hanno deciso di chiedere aiuto ed hanno chiamato il 112. La telefonata è arrivata ai carabinieri della stazione di Rivanazzano Terme, che erano in servizio e di pattuglia che a loro volta, per cercare di velocizzare i soccorsi, hanno chiesto anche l'intervento dei volontari della Protezione civile della Comunità montana di Varzi. Mentre i militari si portavano verso la zona di Cegni, dove parte la strada che sale al Bocco, alcuni volontari sono entrati in azione con le pile e hanno rintracciato, grazie anche all'ausilio di Gps, le due giovani. Le hanno aiutate a sbaraccare l'accampamento ed insieme ai carabinieri le hanno portare in paese, al sicuro. Una brutta avventura dunque per le due giovani conclusasi comunque a lieto fine. La zona a cavallo tra valle Staffora e val Curone è popolata da molti cinghiali, caprioli, daini ma anche di lupi. --ALESSANDRO DISPERATI