Domenica torna il Gran Premio Colli Rovescalesi

ROVESCALAIl ciclismo d'élite torna sulle colline dell'Oltrepo con il 60esimo Gran Premio Colli Rovescalesi. Domenica il via con l'organizzazione dell'Asd Rovescalese del presidente Remo Torregiani, il coordinamento tecnico di Stefano Saroni e il prezioso lavoro di diverse decine di appassionati volontari. La segreteria del gruppo organizzatore ha ufficializzato intanto l'elenco delle 35 squadre che saranno al via della classica di Rovescala sulla distanza di 155,7 chilometri. i protagonistiDice Stefano Saroni: «Alla gara prenderà parte il fior fiore del dilettantismo nazionale e internazionale, 30 squadre italiane a cui si aggiungono cinque team stranieri tra cui la nazionale dell'Ucraina che ha preso il posto della Firenze Hoppla Petroli che ha problemi di Covid. A puntare al nostro prestigioso traguardo anche il Cycling Team Friuli che ha nelle proprie fila quel Nicolò Buratti, trionfatore delle internazionali ferragostane di Capodarco e Poggiana; poi la Zalf Desirée Fior che punterà al bronzo europeo con Davide De Pretto; grande interesse poi riguardo la corazzata Colpack Ballan che a Rovescala si affiderà a Mattia Petrocci e al forte irlandese Ronan O'Connor». A puntare al prestigioso traguardo che può valere il lasciapassare per il mondo dei professionisti anche la Work Service Vitalcare, la Biesse Carrera, la Overall Tre Colli dello scalatore Luca Cavallo. Finita l'avventura agonistica della Viris Vigevanio, a rappresentare il ciclismo pavese sarà la sola Garlaschese del presidente Tino Izzacani, squadra giovane, composta da soli under-23. Inspiegabilmente out dalla corsa i due corridori di casa Andrea D'Amato (tre vittorie nel 2021 al primo anno under) e Lorenzo Fraccaro. La loro squadra, la Carnovali Rime, è presente a Rovescala ma i tecnici hanno blindato i due ragazzi stradellini. . Difficile capire il perché di uno stop proprio sulle strade che conoscono come le loro tasche. il percorsoDomenica si parte da Rovescala alle ore 14 in direzione bivio Mosca per poi scendere verso Santa Maria della Versa, Roncole, Stradella, Cardazzo, bivio Braccio per risalire verso Rovescala. Questo circuiti iniziale, ricco di saliscendi e falsopiiani, verrà ripetuto tre volte. Quindi i quattro giri finali, dal 96esimo km in poi, che toccheranno ancora bivio Mosca, Poggiolo, San Damiano al Colle, bivio Braccio e Rovescala. L'arrivo è previsto nella fascia oraria tra le ore 17,27 e le 18,05. Il presidente della FCI pavese Gianbattista Deantoni conferma: «Dopo la Freccia dei Vini, torna il grande ciclismo a Rovescala. Il calendario pavese prevede quindi la corsa di Sannazzaro il 21 settembre; probabilmente anche quella di Ferrera in ottobre». -- PAOLO CALVI