Senza Titolo

La storiaStipendio bloccatola banca non aiutaGiorni fa ho subito il furto del portafoglio: mia mamma 90enne è stata raggirata da un ladro presso la nostra abitazione di Pavia. Prima di rendermene conto, avevo caricato la mia carta prepagata con tutto l'importo del mio stipendio poi, saputo del furto, ho bloccato d'impulso la carta. Quindi sono rimasto senza contante! Mi sono recato in banca (è una filiale di Broni), e mi veniva detto che l'importo sulla ricaricabile mi sarebbe stato restituito dopo il 15° giorno. Allora ho chiesto al direttore un acconto per poter andare al lavoro e mangiare... io e mia madre, dando certezza di rientro immediato alla restituzione dell'importo bloccato. La risposta è stata negativa.Hho chiesto almeno di avere una prepagata nuova per restituire ad Amazon un articolo appena comprato e così potevo arrangiarmi economicamente per qualche giorno: mi hanno negato pure questo.Dopo avergli detto che sarei stato rovinato, ho avuto come risposta: «Non sono affari miei».Non posso che augurare tanta felicità a queste persone.M. M. PaviaZeccone: S. RoccoIl santo patronofesta che riviveUn tempo vacanza era sinonimo della festa del patrono, celebrata con grande fervore, che oggi si adegua ai cambiamenti. A Zeccone, gli abitanti hanno riscoperto frammenti di storia locale attraverso i suoi personaggi e aneddoti. La 43esima edizione della sagra di S. Rocco è rinnovata anche perché sono cambiati gli uomini e le cose. Come sempre la locale Pro loco, l'amministrazione comunale e molte famiglie si sono fatte animatori per rendere la festa una gioiosa allegria e accantonare un attimo questi tempi turbolenti.Un tempo, nelle giornate antecedenti alla sagra, nei cortili e nelle strade era un viavai di ambulanti carichi di mercanzie di ogni tipo, soprattutto di vestiario per essere sfoggiati nella processione di San Rocco. A eccezione dei capi di colore giallo, qui il detto gialdon da Scon, guardato con ostracismo sino agli inizi degli anni Sessanta.Una leggenda lega i giorni della festa del paese al tratto di strada che conduce a San Colombano: allo scoccare della mezzanotte, nel cimitero, si accendevano fiammelle che salivano al cielo, le anime purgate dei defunti.Luisemi. ZecconeDecoroChiazze vistose...Pavia batte tuttiLe vie del centro di Pavia sono caratterizzate da innumerevoli, vistose e maleodoranti tracce di urina generosamente irrorata da quadrupedi e forse anche bipedi sulle pietre del selciato, dello zoccolo dei marciapiedi, delle soglie delle porte delle abitazioni e dei negozi ,sui muri perimetrali di chiese e monumenti.Il clou è in corso Garibaldi nel tratto fra l' incrocio di via Foscolo e lo sbocco in Strada Nuova. Nei giorni festivi, quando i sempre più rari negozi non fanno pulizia nel tratto di competenza, lo spettacolo è ancora più vistoso per la gioia dei rari turisti alla ricerca di San Michele.Recentemente ho visitato alcune città (Como, Cremona, Trento, Verona) e posso dire con orgoglio che le vie di Pavia in fatto di tale irrorazione... non le batte nessuno.Paolo Canepari. PaviaVigevano Negozi storicida precisareIn un articolo in cronaca di Vigevano pubblicato venerdì 19, il presidente Ascom, Renato Scarano, spiegava che tra i negozi storici ha chiuso l'orologeria Boffini di via del Popolo: notizia corretta, sbagliato il nome del titolare andato in pensione, Antonio e non Pietro (resta aperto l'altro negozio Boffini, in corso Repubblica, gestito dalla figlia Sara con il marito Alessandro). Tra i negozi storici in attività, va infine citata anche la gioielleria Trotti di corso Vittorio Emanuele II.