Per la mega logistica pronti dieci milioni

GARLASCOL'annuncio dell'arrivo a Garlasco di un gigantesco polo logistico da 400mila metri quadrati il più vasto in provincia di Pavia che si insedierà nell'ex area Record di via Pavia crea dibattito in città. Intanto emergono nuovi particolari dell'operazione che trova il consenso dell'amministrazione e che dovrà poi essere affrontata in una conferenza dei servizi dopo che il progetto sarà ufficialmente presentato.Chi investeLa "Jam logistics" multinazionale con sede ad Atlanta negli Stati Uniti e sede italiana a Segrate (Milano) che si occupa di logistica areoportuale si è aggiudicata l'area del polo Cannedo, (cioè ex Record più area incolta) mettendo sul piatto circa 10milioni di euro, una cifra di molto superiore alla base d'asta di poco superiore al milione.L'investimento è stato fatto da una finanziaria che oltre alla "Jam logistic"s raggruppa anche altre grosse realtà produttive multinazionali ed imprenditoriali. «Siamo in attesa di conoscere alcuni intermediari di questa società - spiega l'assessore all'Urbanistica Francesco Santagostino - ed ovviamente l'interesse su una zona storica della nostra città da sempre adibita a sito produttivo ed industriale e da tempo inattiva ci appare di buon auspicio per un deciso rilancio economico di tutta quest'area della Lomellina anche dal punto di vista occupazionale». L'ufficialità dello sbarco a Garlasco della multinazionale statunitense è arrivato un paio di giorni fa dopo le indiscrezioni che circolavano in città da alcune settimane.Il contAttoI contatti«Il nostro contatto - va avanti l'assessore - è stato il Tribunale di Milano che, con un curatore fallimentare, già dallo scorso anno aveva dato vita ad una prima asta».La ditta si occupa di conteiner con varie merci pronte ad essere spedite e ricevute da tutto il mondo. Al lotto di 400mila metri quadrati hanno mostrato interesse due realtà imprenditoriali. Una offerta era stata proposta anche da una ditta che si occupa della costruzione di campi fotovoltaici ma la multinazionale della logistica ha avuto la meglio . L'ha spuntata con un rilancio sulla base d'asta che è risultato determinante. Stando così le cose il polo Cannedo di Garlasco diventerà il più vasto polo logistico di tutta la Provincia di Pavia con una viabilità che senza dubbio dovrà essere potenziata e rivista. Esiste già una rotonda con uno sbocco ad una eventuale bretella per la provinciale che conduce verso l'imbocco della A7 di Gropello Cairoli e si parla anche di un cavalcavia ferroviario.«Dopo la pausa di Ferragosto - dice ancora Santagostino - avvieremo i contatti con gli intermediari per valutare gli aspetti urbanistici». La profonda trasformazione anche dal punto di vista viabilistico della zona era pensata da anni. La zona è suddivisa in 100mila metri quadrati di terreno incolto che è il polo Cannedo, mentre 300mila metri verso Gropello sono l'area della ex Record dove sino alla metà degli anni Novanta erano realizzate gli autobloccanti utilizzati come piastrelle per esterni. Sempre scettica la minoranza . «Le logistiche incrementano il traffico - dice il capogruppo di "Garlasco civica" Mario Spialtini - ma storicamente, vedi Ottobiano, non portano occupazione». --Mauro depaoli