Il sindaco difende le nomine in Asm-Isa «Un cda equilibrato»

VigevanoLa conferenza stampa di presentazione del nuovo consiglio di amministrazione di Asm-Isa di ieri mattina ha fornito indicazioni tecniche sulle nomine e i criteri seguiti, ma ha lasciato sul campo i problemi politici che hanno portato Forza Italia a prendere le distanze dai metodi scelti (che secondo il sindaco Andrea Ceffa erano gli unici possibili per legge). In attesa di fatti nuovi, va soprattutto segnalato come alcuni dei problemi segnalati dal rappresentante dei Comuni minori e consigliere di Gravellona Lomellina Riccardo Fiorina siano rimasti ancora sul tavolo: la trasparenza sui curriculum e la sensazione di sentirsi poco coinvolti. Ceffa ha ribadito come Giorgio Tognon sarà il referente proprio dei Comuni con meno abitanti, mentre invece Vigevano esprime due consiglieri (il presidente Paolo Zorzoli Rossi e Stefania Seneca): «Ho considerato non strategico avere tre rappresentanti in quota vigevanese - ha detto Ceffa - La norma prevede che tutti i Comuni soci devono sentirsi in qualche modo rappresentati». Qualche accenno sempre dal rappresentante di Gravellona anche sull'aumento dei costi, che per il momento evidentemente non è stato proprio digerito: dal collegio sindacale è arrivato però il chiarimento che non è possibile inserire eventuali spese extra nel compenso pattuito, come rimborsi spese e altri emolumenti. La situazione resta comunque complessa, con Forza Italia arroccata sulle sue posizione insieme a Destra Indipendente: Fratelli d'Italia, ieri presente con una delegazione numerosa alla conferenza stampa, è allineata alla Lega. --Oliviero Dellerba