Accuse a Enel e Pavia Acque «Ripristini troppo in ritardo»

MORNICO LOSANABlack out troppo prolungati e ritardo nel ripristino dell'erogazione dell'acqua. Se la macchina dei soccorsi nei Comuni colpiti dal maltempo si è attivata immediatamente, fornendo supporto alle amministrazioni e ai cittadini, alcuni sindaci del territorio non mancano, però, di segnalare alcuni disservizi. A partire dal ripristino della fornitura di corrente elettrica in alcune zone, arrivata con ritardi eccessivi, a volte anche di 24 ore. A Cigognola, il sindaco Gianluca Orioli ha dovuto attivarsi per spostare dalla sua abitazione un residente, attaccato ad un macchinario salvavita, proprio perché la corrente tardava a ritornare.«Non è possibile che in alcune zone del Comune la luce sia tornata solo 24 ore dopo il maltempo - si è lamentato il sindaco di Golferenzo, Claudio Scabini, all'incontro con la Provincia -. Purtroppo, ci sono solo due tecnici in servizio per tutta la zona dell'Oltrepo orientale e ovviamente, quando succedono eventi di questo tipo, con decine di segnalazioni, non possono coprire tutto il territorio». Anche i ritardi nell'erogazione dell'acqua hanno creato qualche problema, soprattutto a Mornico Losana, dove il sindaco Paolo Porcellana ha deciso di scrivere a Pavia Acque: «Il 27 luglio, a causa di un guasto elettrico alle centrali di pompaggio, ha causato una prolungata carenza idrica - spiega il sindaco, ringraziando comunque tutto il personale al lavoro per risolvere il guasto -. A mezzanotte, una parte del territorio era ancora a secco e nelle ultime frazioni l'acqua è arrivata alle 11 del giorno dopo. La situazione è stata segnalata da più utenti agli operatori del numero verde che rispondevano in modo vago e inadeguato». Contattati per una replica, Pavia Acque ha spiegato che sta predisponendo una risposta al Comune, mentre E-Distribuzione non ha risposto. --O.M.