Deviato corso del canale si cerca il ladro "idrico"

CergnagoIl corso dell'acqua sbarrato con assi di legno e deviato in altri campi. È successo, l'altra notte, in un canale di irrigazione che esce dal cavo Plezza, a Cergnago. L'acqua deviata è stata utilizzata per irrigare altri terreni.Si tratta quindi dell'ennesimo furto di acqua, che in questi tempi di siccità è un bene preziosissimo. Il furto è stato denunciato ai carabinieri della stazione di San Giorgio. Le indagini sono in corso. Nell'ultimo mese i carabinieri hanno denunciato due agricoltori, a Bereguardo e Garlasco, che si erano impossessati delle acque di canali per irrigare i loro campi.I ladri d'acqua, l'altra notte, sono arrivati vicino al ramo sinistro del cavo Plezza. Si tratta di un canale che viene utilizzato dagli agricoltori per irrigare i campi. Con alcune assi di legno hanno bloccato il flusso dell'acqua di un canale che arriva dal Plezza. In questo modo hanno impedito l'irrigazione di circa 250 ettari di terreno coltivati a riso, mais e anche pioppeti. La chiusura forzata avrebbe poi favorito l'irrigazione di altri terreni i cui proprietari non ne avevano diritto.La mattina seguente il «blocco» è stato scoperto e sono stati avvisati i carabinieri. Michele Camola, responsabile dell'azienda agricola Boscolungo con sede operativa a Cergnago, ha sporto denuncia contro ignoti. I militari della stazione di San Giorgio dovranno scoprire i responsabili e segnalarli all'autorità giudiziaria. --A. A.