Senza Titolo

BRONIComuni uniti per creare una rete di piste ciclabili, itinerari e percorsi naturalistici in valle Scuropasso. Cresce la voglia di progetti sostenibili per i ciclisti dopo l'esempio del tracciato stradellino legato alla tappa del Giro d'Italia. Ma l'ulteriore stimolo è verso la realizzazione di percorsi protetti con tracciati destinati esclusivamente alle due ruote per le escursioni collinari.Si è svolta nei giorni scorsi una prima riunione tra i sindaci della zona per definire un progetto unico, finalizzato al rafforzamento del turismo, sul quale cercare dei finanziamenti.«Il ragionamento è partito da un dato di fatto, ovvero l'aumento delle presenze di visitatori, soprattutto famiglie, che scelgono di percorrere la valle Scuropasso a piedi o in bicicletta - spiega il sindaco di Broni, Antonio Riviezzi - Vogliamo quindi valorizzare questo modo di intendere il rapporto con il territorio, puntando alla realizzazione di infrastrutture e percorsi che incentivino il turismo lento. Ci sono alcune opportunità di finanziamento che potrebbero fare al caso nostro: insieme alle altre amministrazioni abbiamo concordato il proposito di predisporre dei progetti con cui partecipare ai bandi. È anche un modo per ragionare in ottica territoriale, così da fare rete per favorire lo sviluppo e contrastare l'impoverimento demografico». La rete di Comuni, che fa parte di questo piano per le cicliabili di collina, va da Broni a Montalto Pavese. Per le amministrazioni comunali è un'opportunità da sfrittare.«Si tratta di una progettualità importante, da noi fortemente auspicata, che possiamo realizzare solo lavorando in sinergia - aggiungono i sindaci Gianluca Orioli (Cigognola) e Fabrizio Abelli (Pietra de' Giorgi)- Siamo assolutamente favorevoli al percorso avviato nei giorni scorsi e speriamo che possa portare ai risultati sperati. Siamo in tanti a condividere l'idea anche perché stiamo assistendo a un netto incremento delle presenze turistiche sul territorio. È un'occasione di crescita che dobbiamo cercare di raccogliere per rilanciare la valle Scuropasso». --Oliviero Maggi