"Gli amici di Teo" inaugurano la casa per gli autistici

STRADELLAÈ finalmente pronta la Casa di Teo, la struttura per giovani/adulti autistici, realizzata dalla onlus stradellina "Gli Amici di Teo" a Casalnoceto, in un immobile di piazza Martiri della Libertà di proprietà del centro Paolo VI. Il taglio del nastro è sabato 9 luglio, a partire dalle 15, mentre alle 17 ci sarà un brindisi con aperitivo e la benedizione dei locali da parte del vescovo di Tortona, monsignor Guido Marini. Il ruolo della diocesi è stato determinante: sfumata l'ipotesi di costruire la casa in un terreno a Torricella Verzate, infatti, il progetto è stato preso a cuore dal direttore del centro Paolo VI e parroco di Lungavilla, don Cesare De Paoli, e dall'allora vescovo monsignor Vittorio Viola, che hanno messo a disposizione l'immobile di Casalnoceto, consentendo la partenza dei lavori di ristrutturazione, conclusi poco prima dello scoppio della pandemia, che invece ha rallentato gli ultimi interventi, come l'arredamento dei locali. Ora, finalmente, l'inaugurazione ufficiale.La Casa di Teo è un centro residenziale di dieci posti, accreditati dalla Regione Piemonte (Casalnoceto è in provincia di Alessandria), per ospitare quei giovani-adulti autistici, che non vengono più accolti nelle strutture per via dell'età e non possono rimanere a casa a carico delle famiglie, garantendo loro un futuro sereno. Una volta ripartito il progetto, sono stati tanti gli eventi benefici organizzati per raccogliere fondi, tra cui quelli dell'Inter Club di Stradella del compianto Mario Filipponi. «Abbiamo atteso tanto questo momento e finalmente è arrivato - commenta con soddisfazione la presidente degli Amici di Teo, Milena Tacconi -. Sarà l'occasione per festeggiare questo traguardo importante e tanto desiderato insieme a tutti coloro che in questi anni ci hanno sostenuto». --Oliviero Maggi