Senza Titolo

CALVIGNANO Successo pieno per il sindaco uscente di Calvignano, Marco Casarini, che si riconferma primo cittadino con i 60 voti alla sua "Calvignano futura". A cercare di sbarrargli la strada verso la guida del piccolo Comune collinare c'era Barbara De Girolamo con la lista "Grande Nord", che si è fermata a soli 6 voti. Sono 3 le schede nulle e una sola bianca. Ora Casarini è pronto a dare continuità ai lavori già impostati, forte di una squadra molto collaudata, ma arricchita con elementi nuovi. «Per me guidare il nostro Comune è diventato la mia seconda vita, visto che è il mio quarto mandato», commenta il sindaco. A 56 anni è pronto proseguire l'opera di rilancio di Calvignano. «Nei 5 anni precedenti siamo riusciti a mettere in campo ben 600mila euro di interventi, la maggior parte dei quali per lavori già conclusi. Una cifra notevole per un piccolo Comune come il nostro, che ci sprona a dare continuità al lavoro impostato», conferma il primo cittadino. Dal rinnovamento degli uffici comunali, al rifacimento della sala consiliare (sede di molti matrimoni, per coppie che vengono a sposarsi a Calvignano), alla sistemazione del cimitero e alla videosorveglianza con 16 telecamere, i progetti completati sono numerosi. «Ora si riparte con una squadra che ha elementi collaudati, ma che avrà anche giovani desiderosi di darsi da fare per il paese. Mi spiace per i candidati esclusi: la presenza di un'altra lista ha comportato che 3 di loro non siano stati eletti». Il sindaco dice di avere già un'idea di come sarà la giunta, ma per ora preferisce lasciarla nel riserbo. Gli eletti sono: Andrea Doria (7 preferenze), Alessandra Maggi (6), Alessandra Vicini (6), Maurizio Saviotti (5), Fabio Sinibaldi (5), Claudio Albertocchi (4) e Francesco Cattaneo (4). Per la minoranza entrano in consiglio comunale Barbara De Girolamo, Davide Rocco Gallo e Michelina Percaccioli. --A.Alf.