Senza Titolo

Fabrizio Merli / paviaOggi è il giorno del voto. In tutta la provincia circa 409.493 cittadini avranno la facoltà di esprimersi sui i cinque referendum sulla giustizia voluti da Lega e Radicali, in 17 Comuni pavesi si voterà anche per l'elezione del sindaco, operazione che si terrà anche a Binasco. cinque domandePer quanto riguarda il referendum, le domande riguardano l'abrogazione o meno della legge Severino, l'eliminazione delle misure cautelari nel caso di pericolo di reiterazione del reato, la separazione delle carriere tra Pm e giudicanti, la valutazione dei magistrati anche da parte di avvocati e docenti universitari e la promozione di candidature "indipendenti" per il Consiglio superiore della magistratura.I seggi apriranno alle 7 e resteranno aperti sino alle 23. Nella cabina elettorale sarà obbligatorio indossare la mascherina, al seggio occorrerà presentarsi con un documento di riconoscimento valido e la tessera elettorale. Nel caso in cui la tessera sia scaduta o non vi siano più spazi disponibili per i timbri apposti ai seggi, è possibile rivolgersi agli uffici elettorali dei Comuni. Nel capoluogo, l'ufficio sarà aperto dalle 7 alle 23. Il risultato del voto ai referendum - che nel nostro ordinamento possono essere solo abrogativi - saranno validi solo se voterà il 50 per cento più uno degli aventi diritto in tutto il Paese.A Pavia, ieri mattina l'ufficio elettorale ha lavorato per sostituire i 56 scrutatori che avevano rinunciato su un totale di 272 che saranno impegnati in 83 sezioni elettorali. «Abbiamo proceduto all'estrazione fra quanti avevano fatto domanda - spiega l'assessora ai Servizi civici, Barbara Longo - e tutti i seggi, a questo punto, saranno in grado di funzionare regolarmente». Nel capoluogo, dove si vota solamente per i cinque referendum, gli aventi diritto sono 53.729, ai quali vannbo aggiunti altri 6mila pavesi che risultano residenti all'estero. Poi, in 17 Comuni pavesi e uno milanese, si voterà per il sindaco.solo mortara oltre ai 15milaSi voterà per il sindaco a Mortara (uscente Marco Facchinotti), Gambolò (Antonio Costantino), Rivanazzano (Marco Poggi), Giussago (Daniela Di Cosmo), Torrevecchia (Gerardo Manfredi), Godiasco Salice (Fabio Riva), Gravellona (Francesco Ratti), Valle (Pier Roberto Carabelli), Trivolzio (Paolo Bremi), Magherno (Giovanni Amato), Marzano (Angelo Bargigia), Monticelli (Enrico Berneri), Frascarolo (Giovanni Rota), Bastida Pancarana (Renata Martinotti), Mezzana Rabattone (Giorgio Facchina),Gambarana (Franco Alberto Cattaneo), Calvignano (Marco Casarini). Dove si presenterà una sola lista il candidato dovrà ottenere il quorum del 40%. L'unico Comune che vota con il doppio turno è Mortara, poiché superiore a 15mila abitanti: l'eventuale ballottaggio si terrà domenica 26 giugno. --