Anche Zeme diventa "Città delle donne"

ZemeZeme diventa "città delle donne". L'altra sera il consiglio comunale ha votato l'adesione al progetto nazionale per una rete di città e di paesi in seno all'interno degli Stati generali delle donne, presieduti dalla pavese Isa Maggi. E venerdì prossimo, alle 21, l'ex teatro-asilo ospiterà la conferenza "Guardami, ascoltami, aiutami", in cui saranno presenti Isa Maggi e Tina Magenta, che a Lomello gestisce con il marito Gian Franco la biblioteca Giovannini-Magenta ed è ambasciatrice degli Stati generali delle donne in Lomellina. Attese anche Nicla Spezzati, responsabile del centro antiviolenza Kore di Vigevano, e Maria Clotilde Di Benedetto, preside dell'istituto comprensivo di Robbio, di cui Zeme fa parte. «Nel 2016 - commenta il sindaco Massimo Saronni - ho avuto l'onore, in qualità di vice sindaco, di partecipare alle cerimonie di Lomello e di Galliavola per l'inaugurazione delle panchine rosse contro la violenza sulle donne. Da lì erano nate una sinergia e quasi una promessa: anche Zeme avrebbe seguìto questo esempio. Così, lo scorso novembre, abbiamo installato la nostra panchina rossa e inaugurato la "piazzetta delle Donne" riqualificando un'area ad anfiteatro abbandonata sul retro del municipio in collaborazione con l'istituto statale d'arte Carrà di Valenza. Credo che tutti i giorni dell'anno debbano essere dedicati alla lotta contro la violenza sulle donne». --