Senza Titolo

VARZIVento, acqua e neve hanno sferzato il weekend del 25 aprile. Oltre i 1.000 metri di altitudine ieri mattina è tornata la neve regalando un aspetto tipicamente invernale alle cime dell'Appennino, dal Monte Lesima al Monte Chiappo ma i fiocchi hanno raggiunto anche le le località di Prodongo, nel comune del Brallo di Pregola, Pian del Poggio e Pian dell'Armà, nel comune di Santa Margherita di Staffora e Capannette di Pey e Capanne di Cosola lungo il crinale tra il piacentino e l'alessandrino. Per consentire una viabilità regolare sono dovuti entrare in azione anche i mezzi spartineve e spargisale della Provincia.A seguito di questa nuova precipitazione nevosa e del rischio di formazione di ghiaccio nelle ore notturne l'amministrazione provinciale ha deciso di rinviare al primo maggio la riapertura della strada che dal Passo del Brallo raggiunge il Passo del Giovà attraverso Cima Colletta. Sempre per neve e ghiaccio rimane chiusa fino alla fine di aprile la strada che da Prodongo porta a Zerba. Il forte vento che ha soffiato nella notte tra sabato e domenica ha spezzato numerosi rami creando qualche difficoltà alla circolazione stradale nella fascia collinare compresa tra Godiasco, Montesegale, Val di Nizza e Zavattarello. --ALESSANDRO DISPERATI