Bancomat "taroccato" va a rubare i soldi ma trova i carabinieri

Maria Fiore / cozzoL'arresto è scattato dopo diverse segnalazioni da parte di cittadini beffati mentre cercavano di prelevare dal bancomat di via Roma, a Cozzo. Ruslan Girlea, un giovane moldavo di 25 anni, è stato sorpreso dai carabinieri, che si erano appostati vicino alla banca, mentre cercava di recuperare delle banconote rimaste incastrate nel marchingegno che aveva lui stesso installato. Con lui c'era un altro uomo, che è riuscito a scappare. Girlea, invece, accusato di furto aggravato, si è dovuto presentare ieri mattina in tribunale per la convalida dell'arresto: il giudice ha disposto l'obbligo di dimora nel comune di residenza, in Emilia Romagna, fissando il processo al 23 maggio.il trucco della "forchetta"L'arresto, eseguito dai carabinieri della compagna di Candia Lomellina, è arrivato dopo le segnalazioni di diversi cittadini, a cominciare da una coppia di Candia che il 31 marzo, cercando di prelevare dal bancomat di Cozzo e non ricevendo il denaro richiesto dallo slot di erogazione, si era accorta che nel bancomat era stato installato un marchingegno. Una sbarra di metallo piegata, detta anche «forchetta», con del nastro adesivo attaccato ai bordi. La tecnica si chiama "cash trapping": l'utente cerca di prelevare, ma il congegno blocca la fuoriuscita di banconote, che vengono recuperate in un momento successivo dal truffatore. Ad aprile erano stati segnalati altri casi. Così i carabinieri di Candia si sono appostati e hanno notato due uomini, a bordo di un'auto, avvicinarsi al bancomat. Uno di loro è sceso e ha provato a recuperare banconote e marchingegno. Quando si è accorto dei militari ha tentato la fuga, ma non ha fatto molta strada. --