Il grande dolore dei fedeli «Don Marco, ci mancherai»

il funerale«È stata una fitta al cuore». Così il vescovo di Tortona, monsignor Guido Marini, ha descritto il momento terribile in cui ha saputo della scomparsa di don Marco Porri. «Lo avevo sentito due ore prima, per parlare della salute della sua mamma. Poi il dolore di questa notizia inattesa». Ieri mattina oltre al vescovo c'erano molti sacerdoti della zona nella chiesa di Montebello della Battaglia dove sono stati officiati i funerali del parroco morto giovedì scorso in seguito a un malore mentre a bordo della sua auto stava rientrando per officiare la messa. Presenti anche i sindaci di Montebello della Battaglia, Andrea Mariani, e Borgo Priolo, Paolo Prè, dei Comuni dove il don seguiva le parrocchie, e il sindaco di Broni (città di origine di don Marco), Antonio Riviezzi, e l'ex sindaco bronese, Luigi Paroni. Fuori dalla chiesa anche una nutrita delegazione di Alpini, corpo il cui capello don Marco portava fiero in tante occasioni. E poi tantissimi fedeli, così numerosi che non pochi sono stati costretti a rimanere all'esterno, perché non hanno trovato posto, né in piedi né seduti, all'interno dell'edificio sacro. «Siamo in tanti»«Siamo in tanti, sacerdoti, diaconi e fedeli ed è il segno del nostro affetto per don Marco» ha sottolineato il vescovo. Presenti, pur se solo idealmente, anche i bambini della scuola primaria, che non hanno perso un giorno di insegnamento, ma hanno voluto lasciare un lungo e toccante messaggio all'ingresso della chiesa, rivolto al loro don. «Caro don Marco, noi bambini della Scuola Primaria di Montebello abbiamo sofferto per la brutta notizia della tua scomparsa improvvisa e silenziosa. Sei stato per tutti noi il nostro percorso di vita, una persona importantissima» hanno scritto bambini e bambine, ricordando quanta umanità c'era in don Marco, capace di essere in sintonia con grandi e piccini. «Sei stato il nostro caro don che ci ha sempre accolto con il sorriso, ci hai insegnato il valore e l'importanza di Gesù con gioia ed entusiasmo. Non ci dimenticheremo mai quando ci hai detto che il tiktoker migliore è Dio». Parole toccanti, che solo una figura tanto positiva per i bambini poteva meritare: «Hai sempre avuto un cuore d'oro e grande come quello di Gesù. Tu c'eri sempre in tutto e per tutti. Ci mancherai tantissimo». Anche il vescovo ha ricordato la grande umanità di don Marco, che più di una volta gli aveva confidato la preoccupazione per lo stato di salute dell'anziana mamma, Maria. «Il giorno della scomparsa lo avevo sentito al mattino per parlare di come stava la madre, poi ci eravamo scambiati un messaggio verso le 14,30. Due ore dopo, la terribile notizia. In questi mesi avevo potuto sentirlo più volte, anche andare a fargli visita quando la mamma era tornata dall'ospedale». Anche le comunità di Borgo Priolo e Montebello hanno voluto salutare il don «Ti ricorderemo sempre sorridente, col cappello da alpino che portavi con orgoglio, o magari quando eri preoccupato per le sorti della nostra scuola materna. Lassù incontrerai il nostro don Luciano» ha detto il sindaco Mariani, ricordando la scomparsa nel 2016 di don Luciano Faravelli, che era stato parroco a Montebello per 43 anni e che dal 2016 proprio don Marco aveva sostituito. -- Alessio Alfretti