Cade dal tetto di casa, muore un 47enne

Maria Fiore / BADIA PAVESEDoveva essere un lavoro di pochi minuti, appena il tempo di verificare la fattibilità di un intervento per far passare dei cavi di internet nel sottotetto. Un lavoro che gli è costato la vita. Angelo Pezzoni, 47 anni, ha perso l'equilibrio ed è scivolato da un'altezza di cinque metri, morendo sul colpo. Quando i soccorsi sono arrivati sul posto, in via Marconi a Badia Pavese, nell'abitazione dell'uomo, non c'era più nulla da fare. Nella caduta Pezzoni ha riportato un grave trauma cranico e a nulla è servito anche l'intervento dell'elisoccorso, che era stato fatto alzare in volo per trasportare il ferito d'urgenza all'ospedale Niguarda, nella speranza di salvargli la vita. Pezzoni, che lavorava come operaio, era conosciuto a Badia anche per il suo impegno nel volontariato.Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri della compagnia di Stradella, che hanno escluso responsabilità di terze persone nell'incidente. Si è trattato di una tragica fatalità. la dinamica I carabinieri, attraverso il sopralluogo e alcune testimonianze, hanno ricostruito la dinamica dell'incidente. Da quanto è stato possibile sapere, il 47enne verso le cinque del pomeriggio di domenica è salito sul tetto della sua abitazione di via Marconi perché doveva controllare la possibilità di far passare alcuni cavi per il collegamento internet in un punto del sottotetto. Per salire ha posizionato una scala, poi, a un'altezza di cinque metri dal suolo, si è messo al lavoro. Su cosa sia accaduto con precisione si possono solo fare ipotesi. L'uomo potrebbe avere avuto un malore oppure avere messo male un piede e aver così perso l'equilibrio. Fatto sta che è scivolato senza riuscire ad aggrapparsi a qualcosa. Il 47enne è precipitato al suolo, cadendo di schiena. Un impatto violento, che ha provocato un grave trauma cranico. Le persone che erano in casa con lui e i vicini hanno subito dato l'allarme. i soccorsi Sul posto sono intervenute l'ambulanza e l'automedica, insieme all'elisoccorso. Gli operatori sanitari, arrivati sul posto, si sono subito resi conto della gravità delle condizioni del ferito. Hanno tentato di rianimarlo, ma dopo alcuni tentativi sono stati costretti ad arrendersi. --