Nel capannone armi refurtiva e dispositivo elettronico anti allarmi

Adriano Agatti / casanovaUn capannone pieno di refurtiva, ma non solo. C'era anche uno strumento elettronico utilizzato per scoprire e mettere fuori uso sistemi di allarme attivi e telecamere della videosorveglianza. E' stato individuato dai carabinieri della compagnia di Pavia alla periferia di Casanova Lonati, vicino a Broni. All'interno c'era anche un fucile calibro 12 con diverse munizioni detenute illegalmente. Il proprietario, un uomo di 35 anni, è stato segnalato alla magistratura con le accuse di ricettazione e di detenzione abusiva di armi.Tra la refurtiva i carabinieri hanno anche scoperto un piccolo strumento che viene usato dalle bande di scassinatori per individuare gli appartamenti più indifesi da svaligiare.onde magneticheSi tratta di un apparecchio elettronico di rilevazione di onde radio, campi elettromagnetici e telecamere. Un apparecchio tascabile a cui viene inserita una telecamera con cavo ottico per poter raggiungere qualsiasi punto esterno di un'abitazione oppure di un capannone. Questo apparecchio intercetta le onde radio prodotte da dispositivi gps, telecamere wifi e sistemi di allarme permettendo ai ladri di operare indisturbati sia di giorno che di notte. In pratica li mettono fuori uso.Le indagini dei carabinieri erano iniziate alcune settimane fa. I militari della compagnia di Pavia avevano saputo, nel corso di un'indagine sui furti in abitazione, che nel capannone di Casanova Lonati era stata nascosta parecchia refurtiva. E così, l'altro giorno, è stata eseguita una perquisizione che aveva permesso di scoprire diversa refurtiva che doveva ancora essere «piazzata» ai ricettatori: dai piccoli elettrodomestici, ai prodotti per la cura della persona ai pezzi di ricambio per automobili.fucile e revolverI carabinieri hanno anche sequestrato diversi attrezzi da scasso e hanno trovato anche il fucile calibro 12 e un revolver che era caricato a salve senza tappo rosso. Sulle armi sequestrate sono ancora in corso accertamenti per scoprire la provenienza. --© RIPRODUZIONE RISERVATA