Benedetto e l'eutanasia del sistema democratico

VOGHERACon «L'eutanasia della democrazia. Il colpo di Mani Pulite» (Rubettino editore), Giuseppe Benedetto, avvocato, presidente della Fondazione Einaudi, sostiene che quella «stagione politica ha profondamente mutato la storia della nostra democrazia, incidendo in modo irreversibile sul rapporto tra i poteri dello Stato. Uno dei passaggi cruciali è stata l'abolizione dell'autorizzazione a procedere per i parlamentari. La riforma costituzionale dell'articolo 68 della Costituzione, avvenuta sotto l'incessante spinta delle piazze forcaiole, ha alterato la relazione tra poteri legislativo, esecutivo e giudiziario, arrecando gravi fratture all'ordine democratico». Il libro - che si sofferma anche sul tema delle guarentigie parlamentari - verrà presentato domani (ore 11) alla sala Zonca di piazza Meardi a Voghera; interverranno, oltre all'autore, Ernesto Giacobone, presidente dell'associazione culturale "Il Vogherese", che organizza l'evento, Matteo Grossi, del giornale "La Ragione", nonchè sindaco di Sant'Angelo Lomellina e Paolo Affronti; modera Nicola Affronti, consigliere comunale e provinciale dell'Udc. --