Bargigia deposita la lista dei dissidenti della Lega

Fabrizio Merli / paviaLa lista che sosterrà il sindaco di Marzano Angelo Bargigia alla presidenza della Provincia, in occasione del voto del 18 dicembre, è stata depositata ieri. Nata dalla "fronda" di alcuni sindaci leghisti, ispirati dall'eurodeputato Angelo Ciocca, si contrappone al candidato ufficiale di Lega, Fi e Fdi, Giovanni Palli, sindaco di Varzi.i nomiIn realtà, a parte Bargigia, i leghisti iscritti sono 5 su dodici candidati consiglieri. È composta da 4 sindaci, 1 vice sindaco, 1 assessore, 6 consiglieri; tutto il territorio è rappresentato: Pavese, Oltrepò, Lomellina e Vigevanese.Ecco i nomi: Irene Angusti consigliera comunale di Olevano Lomellina; Simona Armeli Moccia consigliera di Casei Gerola; Enrica Brega sindaca di Montescano; Milvia Salvi, vicesindaco di Lirio; Martina Tessera consigliera di San Genesio ed Uniti; Giovanni, sindaco di Magherno; Virginio Anselmi, sindaco di Pieve Porto Morone; Filippo Droschi consigliere di Bressana Bottarone; Gennaro Gallo, consigliere di Pavia; Adriano Piras, sindaco di Mezzanino; Roberto Pittaluga consigliere di Scaldasole; Marco Zacchetti, assessore di Vidigulfo.anche civiciLa lista che appoggia Angelo Bargigia, 62 anni, sindaco di Marzano da quasi 15 anni, è stata denominata" Comuni protagonisti". «Questo - spiega un comunicato stampa - con la volontà di sottolineare come sindaci e amministratori di tutta la provincia debbano essere gli attori delle scelte territoriali. La lista è formata da sindaci e amministratori della Lega ma anche appartenenti a liste civiche, amministratori che non si sono sentiti rappresentati dal "metodo Vignati" (il metodo "decido io senza confrontarmi con gli amministratori della Lega eletti") e che hanno scelto di individuare un candidato con il metodo della condivisione e della partecipazione». Il riferimento è a Jacopo Vignati, commissario provinciale del Carroccio che, insieme ai vertici regionali, appoggia la candidatura di Palli. «parte un tour»Angelo Bargigia, che ieri di buon'ora ha portato le firme in piazza Italia, commenta: «Metto a disposizione, con semplicità e determinazione, con onestà e con impegno, la mia esperienza di sindaco e di consigliere provinciale. Nei prossimi giorni partirà un tour su tutto il territorio della provincia, in ogni Comune, dal più grande al più piccolo, per raccogliere le richieste del territorio. Questa prima fase di ascolto è necessaria per poter dare risposte concrete nei primi 100 giorni da presidente». Il comunicato tratteggia anche alcuni punti del programma: «Onestà , prossimità e determinazione; presenza sul territorio e vicinanza alle problematiche ordinarie e straordinarie dei comuni; attenzione all'equilibrio di tutto il territorio: rispetto e tutela delle istanze delle diverse aree territoriali; impegno volto a sostenere l'eliminazione del limite di mandato per i Sindaci nell'ottica della continuità della programmazione territoriale». --© RIPRODUZIONE RISERVATA