Senza Titolo

Donatella Zorzetto / PAVIAPer la prima volta dall'inizio dell'epidemia Pavia è entrata nel gruppo dei Comuni "attenzionati" da Ats per l'aumento importante e veloce di contagi Covid riscontrato negli ultimi 7giorni. Fa parte di un elenco di centri passato in un giorno da 48 a 68. Dopo l'ordinanza firmata ieri dal presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, tutti questi Comuni pavesi sono finiti in zona "arancio rafforzato", come il restod ella regione. Ma Pavia rappresenta comunque un caso a sè. In testa per contagi Pavia è in testa alla classifica dei primi 10 centri in provincia per contagi: sono 4.207 (5,76) da inizio pandemia. E ora, è tra i più a rischio anche per la crescita repentina di casi, soprattutto di variante inglese. Ne sa qualcosa Ats, diretta da Mara Azzi, che sta monitorando costantemente la situazione in provincia. «Come stabiliamo l'elenco dei Comuni in allert? Valutiamo quando l'incidenza cumulativa è maggiore di 250 per 100mila abitanti in 7 giorni - spiega Azzi -. Ma, a prescindere dai casi positivi, se i Comuni sono collegati attraverso la viabilità o confinano con zone arancione rinforzato, allora li mettiamo in allerta. Lo comunichiamo ai sindaci e noi continuiamo a fare sorveglianza, raccomandando di tenere alta l'attenzione sull'uso delle mascherine e di evitare assembramenti».Ma perchè Pavia è l'unica grande città in provincia dove i positivi al Coronavirus sono schizzati alle stelle durante quest'ultima settimana? Le cause dell'impennataUna prima analisi viene da Giovanni Maga, direttore del Cnr di Pavia. Che spiega: «Quello che vediamo è il riflesso del peggioramento della situazione. Assistiamo a un'accelerazione diffusa del contagio, e la Lombardia è stata sempre tra le regioni più colpite. Dovrebbe sembrare strano, semmai, se il capoluogo provinciale non ne fosse interessato. Ma adesso è inevitabile che ne risenta. Cosa avrà contribuito? Forse il fatto che in zona gialla, complice il bel tempo, si siano creati in città situazioni non rispettose delle raccomandazioni, tra cui diversi assembramenti. La gente percepiva una situazione sotto controllo. Ha prevalso la voglia di uscire». «È matematico che dopo queste cose si paghino - prosegue Maga -. Perchè, laddove diamo occasione al virus di far partire una catena di contagio, quella partirà. Quanto alle scuole, anche l'orientamento di due settimane fa era quello di tenerle aperte. E secondo me è giusto. Ma in questa fase, in cui vediamo un aumento di casi sostenuta della variante inglese, che interessa un po' più le fasce giovani, potrebbero funzionare da moltiplicatore dell'infezione. I Comuni con contagi in aumentoOltre a Pavia, i Comuni in provincia con più elevati contagi nell'ultima settimana, e perciò allertati, sono: Galliavola, Mornico Losana, Montesegale. Oliva Gessi, Barbianello, Castelletto di Branduzzo, Casanova Lonati, Mezzanino, Campospinoso, Siziano, Montalto Pavese, Certosa di Pavia, Sartirana Lomellina, Battuda, Pizzale, Casteggio, Borgo Priolo, Mede, Rognano, Trovo, Castello d'Agogna, Casorate Primo, Trivolzio, Zeme, Torre Beretti e Castellaro, Casei Gerola, Vellezzo Bellini, Cigognola, Battuda, Mezzana Bigli, Semiana, Carbonara alTticino, Zerbolò, Borgo San Siro, albuzzano, Albaredo Arnaboldi, Ferrera Erbognone, Giussago, Borgarello, Bressana Bottarone, Broni, Santa Giuletta, Travacò Siccomario, Valle Salimbene, Vidigulfo, Vistarino, Lirio, Zeccone, Bereguardo, Montecalvo Versiggia, Bastida Pancarana, Belgioioso, Olevano di Lomellina, Cozzo, Inverno e Monteleone, San Martino Siccomario, Sommo, Frascarolo, Suardi, Pieve Albignola, Cassolnovo, Gravellona Lomellina, Verrua Po, Linarolo, Verretto, Santa Maria della Versa e Corana.