Dal ministero 590mila euro per installare telecamere

PAVIAIl ministero dell'Interno stanzia circa 590mila euro per incrementare il numero di telecamere in alcuni Comuni della provincia di Pavia. Il capoluogo è tra i centri che riceveranno i fondi. Risorse che saranno distribuite tra i 12 centri che avevano partecipato al bando che prevedeva contributi per il potenziamenti del sistema di videosorveglianza. Su tutto il territorio nazionale sono 428 i Comuni ammessi al finanziamento che, complessivamente, ammonta a 37 milioni di euro, distribuiti nei prossimi tre anni. Ecco quali sono i centri, della provincia di Pavia, che ammessi al contributo: Pavia, San Martino, arrivata quinta nella graduatoria nazionale, Casteggio, Tromello, San Giorgio di Lomellina, Cigognola, Bosnasco, Sannazzaro de' Burgundi, Lardirago, Unione dei Comuni lombardi prima collina, Mezzana Bigli e Barbianello.Il prefetto Attilio Visconti si dice «dispiaciuto per i centri che, pur avendone fatta richiesta, sono rimasti esclusi dalla graduatoria». «Sono invece soddisfatto che ben 12 comuni abbiano ottenuto il finanziamento in quanto l'installazione degli impianti di videosorveglianza determina comunque un significativo innalzamento degli standard di sicurezza nei territori direttamente interessati e, più in generale, a livello provinciale». Il prefetto si è anche impegnato a sostenere le richieste dei Comuni esclusi nei prossimi bandi sia del Ministero dell'Interno che della Regione Lombardia. --S. PR.