Senza Titolo

NUORODa Antonio Gramsci a Grazia Deledda, dalla sindachessa Margherita Sanna allo scultore Francesco Ciusa, da Remundu Piras a Emilio Lussu e Peppinu Mereu. Dopo Ghilarza, Nuoro, Orune, Armungia e Desulo, il viaggio in Sardegna attraverso i suoi figli più illustri, stavolta fa tappa a Laconi: nella casa natale di Sant'Ignazio, in particolare. È qui che il poeta orunese Mario Cherchi è arrivato qualche settimana fa, in occasione di una recente giornata (del Centro studi francescani) dedicata al frate cappuccino, con una lunga lirica in ottave omaggio al venerato questuante diventato patrono della Provincia di Oristano, al secolo Vincenzo Peis.Dieci ottave che Mario Cherchi ha prima declamato con grande trasporto davanti al pubblico, raccogliendo entusiastici applausi e commenti, e poi regalato alla comunità tutta, consegnandola nelle mani della sindaca di Laconi Anna Paola Zaccheddu. Ora la poesia è esposta nella Casa natale del Santo.«Fit Nadale sa die decheoto /chi su millessetichentosseunu / in custa terra de Santos a digiunu / in Laconi bi naschit su devoto / c'ann'in chelu che opera 'e Gioto / dipintu che fiore 'e bator'unu / t'at Santu cunsacradu 'e Mattia / su fizu 'e s'amada Anna Maria». Questa è la prima ottava della poesia. Un altro importante traguardo per il poeta che rende onore non solo alla sua amata Orune ma all'intera Sardegna, con questo viaggio a tappe che ora racconta anche la vita, l'opera e la morte del cosiddetto San Francesco sardo.«Resortu as s'innotzente creatura / de manu Sant'Ignatziu soberanu / e Lucia sa bista c'at iscura / prus limpida li torras che beranu / ma tue de salude pacu sanu / ses tzecu ma su coro de lucura / t'illuminat luchente che isteddu / che luche luminosa Peppisceddu».«Sos infermos saludas e morentes / ca giunta paret bennida cuss'ora / Agnese cara sorre sa suora / chin Giacinto premonis soferentes / sos frates cappuccinos e credentes / ca Deus m'at in chelu sa dimora / eletu po s'eternu s'alta corte / ca sette mancat dies po sa morte». E ancora: «S'Eucaristica ostia sacrale / ti diat su beneitu nutrimentu / Sant'Ignatziu de Laconi immortale / de linu t'an cossidu s'indumentu / t'an depostu e fatu sacramentu / e de linna sepoltu naturale / in su colle c'at piantu cadaunu / su millesettichentossotantunu». Infine, l'ottava di chiusura: «Sant'Ignatziu sa digna sepoltura / t'onorat po s'eternu custa losa / ca s'anima devota maestosa / t'at fatu monumentun'iscultura / non t'aiat un'iscola prestigiosa / formadu literale sa cultura / ma Laconi t'at dadu s'alimentu / de Santu sa linfa 'e Marabentu».