Stagno chiede di essere interrogato

FIRENZEL'avvocato Andrea Puccio, difensore del professor Francesco Stagno, uno dei due medici indagati per omicidio colposo dalla procura di Firenze per la morte del capitano della Fiorentina Davide Astori, avvenuta il 4 marzo 2018 durante la notte nel ritiro pre-gara della Fiorentina prima della partita a Udine del campionato dello scorso anno, ha incontrato il magistrato titolare dell'inchiesta, Antonio Nastasi, annunciando di voler presentare richiesta di interrogatorio per il proprio assistito e di voler depositare le consulenze tecniche di due esperti, un medico legale e un cardiologo. La difesa di Stagno, direttore sanitario di Medicina dello sport a Cagliari, come spiega l'avvocato Puccio, con la conclusione delle indagini, è al lavoro per provare a replicare alle accuse. «Siamo fiduciosi, nel massimo rispetto dell'attività d'indagine svolta dalla procura, di poter dimostrare l'estraneità del dottor Stagno ai fatti contestati», afferma il difensore, che auspica un'archiviazione della posizione del proprio assistito.«Intanto - ribadisce - stiamo valutando l'opportunità di sottoporci ad interrogatorio già in questa fase». La difesa ha incaricato due esperti per la predisposizione delle consulenze mediche. Nella fase delle indagini preliminari, Stagno si avvalse della facoltà di non rispondere per la limitata conoscenza delle accuse, ma adesso, con la chiusura delle indagini, l'avvocato Puccio ha preso visione del fascicolo dell'inchiesta e si ritiene fiducioso di poter dimostrare l'assenza di responsabilità del proprio assistito nel decesso di Astori. Francesco Stagno, direttore sanitario dell'Istituto di Medicina dello sport di Cagliari, è indagato in concorso con Giorgio Galanti, direttore sanitario del Centro di riferimento di Medicina dello sport di Careggi (Firenze).