Ecco il tris degli aspiranti governatori

Nato a Potenza nel 1951, Vito Bardi è entrato in politica «dalla porta principale», designato a guidare lo schieramento di centrodestra per conquistare la Regione Basilicata dal leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi. Ex generale della Guardia di Finanza, Bardi ha quattro lauree (Economia e commercio, Giurisprudenza, Scienze internazionali e diplomatiche e Scienze della sicurezza economica e finanziaria) e, durante la sua carriera nelle fiamme gialle, ha ottenuto decine di riconoscimenti. Sposato da oltre 35 anni, ha due figli ormai adulti. Ha una «grande passione» per il calcio: «Le uniche pause me le concedo quando gioca il mio Napoli». « Farmacista di strada», come si è definito lui stesso, Carlo Trerotola, di 62 anni, ha accettato di essere il candidato governatore del centrosinistra «perché c'è del buono in Basilicata». Trerotola è sposato e padre di due figli. Non ha mai fatto politica, ma è figlio di uno storico dirigente lucano del Msi: lui in questi giorni di campagna elettorale, ha ammesso di ascoltare comizi di Giorgio Almirante ma di non aver mai avuto la tessera missina. Laureato in Giurisprudenza, sposato e padre di due bambini, Antonio Mattia - candidato del M5s alla presidenza della Regione Basilicata - è un imprenditore di 47 anni che opera a Potenza nel settore della ristorazione e dell'intrattenimento per famiglie e bambini.